Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Trump a Davos Cosa potrebbe attirare il presidente USA al WEF?

President Donald Trump

L'arrivo del presidente USA Donald Trump al WEF di Davos suscita reazioni contrastanti in Svizzera.

(Keystone)

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha agitato la Svizzera annunciando che parteciperà al Forum economico mondiale (WEF) di Davos. Non sarà una visita ufficiale di Stato, quindi cosa lo porta nelle Alpi elvetiche?

Trump sarà il secondo presidente statunitense a prendere parte al WEFLink esterno dopo l'appariscente presenza di Bill Clinton 18 anni fa. L'inquilino della Casa bianca dovrebbe arrivare con un enorme seguito per predicare la parola della "America First" a beneficio dell'economia, delle imprese e dei lavoratori statunitensi.

Il congresso annuale di Davos è cresciuto in modo esponenziale dalla sua nascita come European Management Symposium nel 1971, poi ribattezzato Forum economico mondiale nel 1987. Considerate la vastità e la portata degli argomenti che affronta, forse dovrebbe cambiare di nuovo denominazione e chiamarsi "World Everything Forum".

In quasi mezzo secolo di esistenza, il WEF ha accolto molti leader politici mondiali, capitani d'industria, boss dell'economia e pezzi grossi della società civile, della religione, della tecnologia e delle arti. Circa 3'000 delegati sono disposti a pagare un pacco di soldi per il privilegio di ascoltare dibattiti, fare networking e affari. Ogni parola dei partecipanti è diffusa in tutto il mondo da un piccolo esercito di giornalisti.

Ma i presidenti americani in generale hanno piuttosto snobbato l'evento mondiale nella celebre località turistica dei Grigioni. L'anno scorso, elezione shock di Donald Trump ha comunque messo un po' in subbuglio il WEF e creato anche un certo sbigottimento. Sul palcoscenico di Davos è salito, per la prima visita in assoluto di un presidente cinese, Xi Jinping. Questi non ha perso l'occasione di promuovere la Cina e di fustigare coloro che la vogliono isolare, con una stoccata appena velata contro l'America di Trump.

I commentatori si chiedono ora se il presidente statunitense intenda utilizzare questa piattaforma mondiale per replicare direttamente per le rime a Xi Jinping. Ma al di là della retorica, Donald Trump sembra desideroso di rimboccarsi le maniche e iniziare a promuovere gli interessi economici degli Stati Uniti in seno a un gruppo elitario di dirigenti internazionali.

Incontrerà il presidente della Confederazione?

Il presidente della Confederazione elvetica Alain Berset ha accolto favorevolmente l'imminente arrivo dell'omologo statunitense e spera di ottenere un incontro per discutere alcune questioni scottanti. Queste potrebbero comprendere le riforme fiscali statunitensi o le controverse politiche commerciali di Trump.

"Questa visita non può che essere positiva per la Svizzera", ha commentato il parlamentare socialista Tim Guldimann. "Ma non sarà opportuno approfittare di questa occasione solo per criticare la sua politica", ha precisato l'ex diplomatico elvetico.

Previste proteste anti-Trump

Altri politici hanno invece avvertito che non ci si devono aspettare grandi progressi nelle relazioni bilaterali dalla visita di Trump. Il suo scopo primario è infatti di mettersi in contatto con l'élite del WEF, piuttosto che con i ministri svizzeri.

Secondo l'albergatore Ernst Wyrsch, che ha gestito a lungo il cinque stelle Steigenberger Grand Hotel Belvédère a Davos, la presenza del presidente americano sarà una grande pubblicità per la località elvetica. "La visita di Trump agiterà Davos in modo spettacolare. Per la località, il cantone dei Grigioni e la Svizzera è fantastica. L'attenzione dei media sarà focalizzata su Davos per tutta la durata del suo soggiorno", ha dichiarato al pool giornalisti Newsnet.

Non tutti in Svizzera si rallegrano dell'arrivo di Donald Trump. Gli oppositori stanno pianificando azioni di protesta. La Svizzera e Davos sono abituate a proteggere i potenti della Terra che arrivano al WEF, ma ora le forze di sicurezza avranno sicuramente più filo da torcere. Manifestazioni sono già state preannunciate per il prossimo fine settimana dai movimenti CampaxLink esterno e Action Together: ZurichLink esterno.

WEF di Davos, cifre e fatti 

Il Forum economico mondiale (WEF) di Davos 2018 si svolge dal 23 al 26 gennaio. L'anno scorso ha attirato circa 3000 visitatori, tra cui quasi 500 giornalisti. Quest'anno è atteso un afflusso analogo.

Le imprese versano tra i 60mila e i 600mila franchi all'anno ciascuna di quote sociali. Nell'esercizio finanziario da luglio 2015 a giugno 2016, il WEF ha realizzato un fatturato di 228 milioni di franchi. L'organizzazione senza scopo di lucro ha versato alla sua fondazione un'eccedenza di bilancio di 1,2 milioni di franchi.

Da uno studio del WEF e dell'università di San Gallo è emerso che nel 2015 il simposio di Davos ha generato un valore aggiunto di 50 milioni di franchi per l'economia locale e di 79 milioni di franchi per il resto della Svizzera.

Il governo svizzero mette a disposizione fino a 5'000 membri dell'esercito per la sicurezza del Forum di Davos, ma l'intero contingente è raramente utilizzato. La Confederazione, il cantone dei Grigioni, il comune di Davos e il WEF sostengono costi per la sicurezza pari a 9 milioni di franchi.

Fine della finestrella


(Traduzione dall'inglese: Sonia Fenazzi), swissinfo.ch

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×