Navigation

Accoglienza positiva per nuovo CEO FFS

La ministra dei trasporti Simonetta Sommaruga si rallegra della scelta di Vincent Ducrot quale CEO delle FFS. KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 dicembre 2019 - 16:13
(Keystone-ATS)

La nomina del friburghese Vincent Ducrot a capo delle FFS è stata accolta positivamente da più parti. Tutti sottolineano le sue competenze in materia di trasporti e di servizio pubblico.

Con Ducrot, le ferrovie puntano su una persona che conosce bene la Svizzera e il settore ferroviario, ha detto la ministra dei trasporti Simonetta Sommaruga citata in un comunicato del Dipartimento federale dei trasporti (DATEC). Ducrot è anche cosciente della grande importanza che rivestono il servizio pubblico e il partenariato sociale.

Le FFS, continua la nota, non sono un'azienda come le altre, sono al servizio di tutti. La popolazione si aspetta che funzionino senza intoppi e che i treni siano sicuri e puntuali. La consigliera federale Sommaruga si dice convinta che Ducrot darà la massima priorità a queste aspettative.

"Nominando un ferroviere come CEO, il Consiglio d'amministrazione dà un segnale positivo ai dipendenti", secondo il Sindacato del personale dei trasporti (SEV). Quest'ultimo ha concluso un Contratto collettivo di lavoro (CCL) con i Trasporti pubblici friburghesi (Tpf), che Ducrot dirige dal 2011. "Le relazioni sono caratterizzate da reciproco rispetto, che del resto risale al periodo in cui Vincent Ducrot lavorava alle FFS", afferma Giorgio Tuti, presidente del SEV. "Aspettiamo con fiducia di vedere se sarà in grado di cambiare l'attuale cultura aziendale dell'ex regia federale ascoltando maggiormente il personale".

Il nuovo responsabile "non avrà tuttavia un compito facile, poiché oggi alle FFS ci sono molti problemi da risolvere", ha aggiunto la vicepresidente, Barbara Spalinger. Ducrot deve riportare la calma nell'azienda. Spalinger ha ribadito la richiesta del sindacato di porre fine alle riorganizzazioni che non portano vantaggi diretti all'attività. Queste erano state decise basandosi troppo su criteri finanziari e i loro effetti non erano stati sufficientemente considerati. "Per il personale è essenziale che le FFS concentrino le loro attività sulla qualità e sulla sicurezza dei servizi, il tutto a un prezzo accessibile".

A Friburgo il governo cantonale ha accolto la notizia della nomina di Ducrot con sentimenti contrastanti: da un lato è fiero che un suo concittadino assuma la direzione dell'ex regia, dall'altro è triste di perdere il direttore di trasporti pubblici.

Contattato dall'agenzia Keystone-ATS, il consigliere di Stato e presidente del Consiglio di Amministrazione di Tpf, Georges Godel, ha sottolineato "l'onore e l'orgoglio di avere un friburghese alla guida delle FFS". "Dobbiamo rassegnarsi a lasciar andare un leader di grande valore", ha aggiunto il ministro ricordando il "lavoro colossale" svolto da Ducrot per i trasporti pubblici nel cantone. "Siamo stati fortunati ad averlo", ha aggiunto Godel che lo ha descritto come "un uomo-soluzioni, che ha sempre idee".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.