Navigation

BE: morto John Mbiti, "padre della moderna teologia africana"

John Mbiti ha insegnato anche alla prestigiosa università di Harvard. KEYSTONE/AP/CHARLES KRUPA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 ottobre 2019 - 16:31
(Keystone-ATS)

Il filosofo della religione keniano John Samuel Mbiti, designato come "il padre della moderna teologia africana", è morto all'età di 88 anni. Dal 1973 viveva in Svizzera. Il decesso è avvenuto domenica a Burgdorf (BE), ha indicato la famiglia.

Nato il 30 novembre 1931 in Kenya, Mbiti ha dapprima studiato anglistica e geografia all'università Makere a Kampala (Uganda), che all'epoca formava l'élite dell'Africa anglofona. È negli anni trascorsi in questo ateneo che ha maturato la vocazione per diventare parroco, si legge su Wikipedia. Ha in seguito studiato teologia, dapprima negli Stati Uniti, e poi all'università di Cambridge (GB), dove nel 1963 ha ottenuto il dottorato con il lavoro intitolato "Christian Eschatology in Relation to Evangelization of Tribal Africa". Nello stesso anno è stato consacrato parroco anglicano.

Mbiti ha insegnato in varie università d'Africa, Europa, Canada e Stati Uniti (alla prestigiosa università di Harvard). In Svizzera ha dispensato le sue conoscenze negli atenei di Ginevra, Zurigo e Berna. È autore di numerose pubblicazioni, in particolare di filosofia e teologia, ma anche di etnografia africana. Per 16 anni è stato pastore della parrocchia della Chiesa riformata bernese di Burgdorf. Dopo il pensionamento Mbiti ha tradotto il Nuovo testamento dal greco al Kikamba, sua lingua materna. Stando alla sua famiglia, è stato il primo africano ad aver tradotto da solo la Bibbia da un idioma biblico a una lingua africana.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.