Navigation

Catena umana attorno alla centrale di Fessenheim

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 giugno 2011 - 20:02
(Keystone-ATS)

Migliaia di manifestanti hanno creato oggi una catena umana davanti alla centrale atomica di Fessenheim (Alsazia) chiedendo la chiusura del più vecchio impianto nucleare francese. L'azione era stata organizzata da un collettivo di associazioni francesi, svizzere e tedesche.

Alla catena umana, lunga tra 4 e 5 chilometri, hanno partecipato da 5000 a 7000 persone, in maggioranza tedesche. Secondo quanto hanno reso noto gli organizzatori, i manifestanti si sono coricati al suolo per simulare gli effetti di un incidente nucleare in Alsazia.

Vari gruppi partiti tra l'altro da Basilea, Colmar o Mulhouse hanno raggiunto il luogo della manifestazione in bicicletta. Secondo Bovet, dalla città renana sono partiti 53 ciclisti.

La protesta è stata organizzata a pochi giorni dall'avviso che deve emettere l'autorità francese di sicurezza nucleare (ASN) sulla continuazione dell'attività per 10 anni del reattore numero 1 della centrale in servizio dal 1977. L'ASN ha già più volte fatto capire che l'avviso sarà positivo su riserva di alcuni investimenti da realizzare sul sito.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.