Navigation

UDC: Ueli Maurer a Locarno per i 90 anni della sezione ticinese

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 dicembre 2010 - 18:15
(Keystone-ATS)

LOCARNO - Il consigliere federale Ueli Maurer ha partecipato oggi a Locarno al congresso per i 90 anni della sezione ticinese dell'UDC. Per l'occasione il responsabile del Dipartimento federale della difesa (DDPS) è stato "accolto" dai tre topi della controversa campagna anti-frontalieri "Balairatt".
Dopo il saluto, il consigliere federale ha definito la campagna "coraggiosa, umoristica ed elegante". Oltre a Maurer, i "ratti" Bogan (ladro di origine slava), Francesco (il frontaliere italiano) e Giulio (il truffatore del fisco milanese) hanno "ricevuto" ufficialmente anche il vicepresidente dell'UDC svizzera, il consigliere nazionale Yvan Perrin (NE).
Il ministro democentrista ha colto l'occasione anche per esprimersi sull'eventuale chiusura totale della galleria autostradale del San Gottardo, prevista dal 2020 per oltre due anni. Secondo Maurer, "la cosa migliore sarebbe la costruzione di un secondo tubo".
Dal canto suo, il presidente dell'UDC ticinese Pierre Rusconi ha sottolineato come "l'Unione democratica di centro sia il solo partito di opposizione a sud delle Alpi". Ha inoltre lanciato un appello alla Lega dei Ticinesi per una lista congiunta in vista delle elezioni federali del 2011, al fine di ottenere un seggio in Consiglio nazionale. In cambio, Rusconi ha offerto al movimento di Bignasca il proprio sostegno alle elezioni cantonali di aprile.
Fondato nel 1920 come partito agrario, dal 1922 al 1927 fu presente nel governo cantonale con Raimondo Rossi. Da lì in poi ottenne soltanto seggi in Gran Consiglio. Alle ultime elezioni cantonali del 2007, l'UDC ha conseguito il 3,7% dei voti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.