Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Il Gran consiglio zurighese ha rifiutato oggi a larghissima maggioranza un postulato dell'Unione democratica federale (UDF) che chiedeva di trattare durante la scuola dell'obbligo non solo la teoria dell'evoluzione, ma anche il creazionismo.
Per l'UDF quest'ultimo merita, nel corso di "uomo e ambiente", lo stesso peso della teoria dell'evoluzione, che a differenza del creazionismo non offre risposte sulla nascita della vita. "Sarebbe quindi giusto proporre agli alunni entrambe le teorie e lasciarli decidere da soli", ha detto il granconsigliere dell'UDF Stefan Dollenmeier.
Una concezione del mondo e della vita che ha fatto scuotere la testa alla maggioranza dei parlamentari. Il PLR ha ricordato che "siamo nel 2010", il PS ha sostenuto che il creazionismo va inserito nel corso di storia biblica e non in quello di scienze naturali. Il PPD ha definito il tema interessante, ma ritiene che riguardi il Consiglio scolastico e non il Gran consiglio. L'UDC invece ha espresso timori per la buona reputazione dell'insegnamento nel cantone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS