Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Turismo I vacanzieri svizzeri innamorati del grande vicino tedesco

L'isola di Rügen, nel Mar Baltico, è una delle destinazioni tedesche predilette dai turisti svizzeri.

L'isola di Rügen, nel Mar Baltico, è una delle destinazioni tedesche predilette dai turisti svizzeri.

(Keystone)

La Germania sta spopolando come destinazione delle ferie degli svizzeri. Soprattutto sulle rive del Baltico c'è un vero e proprio boom di turisti elvetici. Il numero dei loro pernottamenti in quella regione sono quadruplicati negli ultimi 15 anni.

Tobias Woitendorf è appena tornato da Zurigo, dove ha fatto pubblicità per il turismo in Meclemburgo-Pomerania Anteriore, dinanzi a rappresentanti dei media e delle agenzie di viaggi. "Gli svizzeri sono per noi un importante gruppo target", dice il capo del marketing e della comunicazione dell'associazione turistica regionale, con sede a Rostock. In particolare, la costa e le gite in battello sui laghi meclemburghesi attirano clienti del sud.

Woitendorf è stato anche a Berna, dove il suo Land il prossimo autunno sarà regione ospite al "Suisse Caravan Salon", la fiera svizzera del camper. "Da alcuni anni siamo molto attivi nella promozione della nostra regione in Svizzera", dice. L'associazione meclemburghese collabora con i grandi operatori turistici e con catene di agenzie di viaggi. Inoltre vanta le bellezze della regione in pubblicità nei media elvetici. Sei volte all'anno Tobias Woitendorf si reca da Rostock in Svizzera per fare conoscere sempre di più il Meclemburgo-Pomerania Anteriore.

L'impegno sta dando frutti. Nel 2016, nella regione settentrionale della Germania, sono stati registrati 165mila pernottamenti di turisti svizzeri. Nel 2000, erano ancora solo circa 40mila. Peraltro queste cifre non includono i soggiorni sulle case-battello, sulle barche a vela e in piccole strutture ricettive. "E sono numerosi", precisa Woitendorf. Le mete della maggior parte degli svizzeri che vanno in vacanza nella Germania nord-orientale sono la costa baltica e le isole di Usedom, Rügen e Hiddensee.

"Appena dieci anni fa non erano praticamente conosciute dai confederati, mentre oggi è completamente diverso", dice l'esperto. Le lunghe spiagge di sabbia con le tipiche sedie a sdraio, le storiche città anseatiche, le eccellenti piste ciclabili, i buoni alberghi e ristoranti a prezzi che sono diventati ancor più attraenti con l'apprezzamento del franco, sono all'origine del successo. Sempre più gettonate sono anche le gite guidate in bicicletta lungo la costa e attraverso le città della Germania settentrionale, secondo i tour operator.

Voli diretti per il Baltico

Tra maggio e settembre quest'anno, vi saranno di nuovo voli diretti da Zurigo a Rostock. Inoltre da Berna e da Basilea vi saranno voli diretti per l'isola di Usedom. Un'offerta ampiamente pubblicizzata da Tobias Woitendorf, benché la maggior parte dei turisti svizzeri raggiunga le rive del Mar Baltico con la propria auto.

I turisti elvetici sono particolarmente graditi. "Svizzeri e tedeschi del nord vanno d'accordo", assicura il promotore turistico. Gli abitanti delle regioni costiere tedesche sono considerati riservati e posati: tra loro e gli ospiti elvetici c'è una buona intesa. Il fatto che gli svizzeri non contino ogni euro e amino buoni alloggi e ristoranti, rallegra albergatori ed esercenti tedeschi. In media i turisti svizzeri spendono di più di tedeschi e olandesi. Di solito la loro disponibilità finanziaria è superiore a quella degli altri ospiti europei.

Se la tendenza continua, Woitendorf prevede che gli svizzeri scalzeranno presto gli olandesi dal primo posto della classifica di provenienza dei visitatori stranieri in Germania. Comunque, la stragrande maggioranza dei villeggianti del Baltico proviene ancora dal mercato interno tedesco.

Vicinanza e convenienza

Se hanno scoperto solo negli ultimi anni la Germania del nord-est come destinazione turistica, gli svizzeri frequentano invece da tempi immemorabili il Baden-Wuerttemberg e la Baviera, che sono geograficamente molto più vicini alla Confederazione. Oltre ad essere praticamente davanti alla porta di casa, queste regioni sono sempre state facilmente accessibili, diversamente da quelle della ex Germania dell'Est.

Nella sola Baviera nel 2016 sono stati registrati 12,6 milioni di pernottamenti di ospiti svizzeri, di cui 477mila nell'Algovia. In questa regione, gli svizzeri rappresentano il più grande gruppo dopo gli olandesi e sono molto importanti per il settore turistico locale.

"Beneficiamo indubbiamente della vicinanza della Svizzera e del buon rapporto qualità-prezzo", afferma il direttore marketing dell'ente turistico dell'Algovia Stefan Egenter. Particolarmente frequentati dagli svizzeri sono gli alberghi di classe superiore. "Agli svizzeri piace la qualità nelle vacanze. Usufruiscono molto della buona offerta di alberghi wellness e la apprezzano", precisa Egenter.

In Algovia c'è stato un boom simile di quello nella regione baltica, ma partendo da un livello iniziale molto più alto. Il numero di clienti è raddoppiato in dieci anni. "Gli ospiti elvetici sono molto importanti per noi e molto ben visti negli alberghi e ristoranti", osserva Egenter. Tra tedeschi e svizzeri la comunicazione è facile e ci si capisce bene.

Lo conferma anche il responsabile del marketing del rinomato resort a cinque stelle nell'Algovia "Sonnenalp", Alexander Hörmann. Soprattutto negli ultimi cinque anni, nel complesso alberghiero con infrastrutture per lo sport e il benessere, i turisti provenienti dalla Confederazione sono diventati sempre più numerosi. "Ora costituiscono circa la metà dei nostri clienti stranieri", precisa. Le loro attese sono molto elevate. Gli svizzeri apprezzano l'offerta complessiva di golf, spa, accudimento di bambini, giochi per ragazzi, nonché buoni ristoranti. E si rallegrano dei prezzi interessanti. Dal momento che i loro periodi di vacanze scolastiche sono diversi da quelli tedeschi, le famiglie svizzere possono anche beneficiare di offerte speciali al di fuori dell'alta stagione.

Il flusso di turisti elvetici in Germania sembra destinato a rinvigorirsi continuamente, sia nel nord che nel sud della Germania. "Ogni anno c'è una crescita a due cifre", dice Stefan Egenter.

Turismo svizzero in Germania

Gli svizzeri sono al secondo posto della classifica dei turisti provenienti dall'estero in Germania, alle spalle degli olandesi e davanti agli americani. Secondo uno studio della Centrale tedesca per il turismo, il Baden Württemberg (37,1% di pernottamenti), la Baviera (22,9%) e Berlino (10,3%) sono stati i Land più frequentati dai vacanzieri elvetici nel 2016.

Particolarmente popolari, con un terzo del totale, sono i viaggi nelle grandi città, come Berlino, Amburgo e Monaco di Baviera. Queste hanno costituito il 52,2% dei soggiorni in Germania dei turisti provenienti da Zurigo e dalla Svizzera centrale, il 18% di quelli dei turisti della Svizzera romanda e il 29,9% di quelli provenienti dalle regioni alpine e prealpime.

In media, ogni turista svizzero è rimasto 4,9 notti in Germania e ha speso 634 euro. L'81% dei soggiorni sono prenotati in anticipo. Oggi, la Germania è la destinazione favorita dagli svizzeri, davanti a Italia, Francia e Spagna.

(Fonte: Centrale tedesca per il turismo)

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.


(Traduzione dal tedesco: Sonia Fenazzi)

×