"Siamo venuti per tutta l'umanità"

Lo sbarco sulla Luna continua ad affascinare. Il terzo giorno del festival Starmus è stato segnato dalla prima europea del documentario sulla missione Apollo 11.

Marc-André Miserez, Zeno Zoccatelli, Zurigo

Dopo il mezzo insuccesso del biopic hollywoodiano "First Man", dedicato a Neil Armstrong, "Apollo 11" di Todd Douglas Miller è una vera e propria piacevole sorpresa. Senza effetti speciali, senza (quasi) musiche pompose, montato solo con immagini di archivi superbamente restaurate, questo documentario rievoca "la missione più pericolosa della storia”. Il film è stato premio al festival Starmus con una medaglia Stephen Hawking.

La presenza a Zurigo del regista e di alcuni protagonisti dell'epoca ha ulteriormente rafforzato il successo di questa prima mondiale, che ha suscitato fervore e un applauso entusiastico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo