Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Abbattuti due predatori In Svizzera si riaccende il conflitto sui lupi

Una decina di lupi in branco: immagine rara, scattata alla fine di novembre 2013 nei pressi del Calanda, nei Grigioni

(graubünden.ch)

Due lupi abbattuti in poche settimane: in Svizzera si è nuovamente scatenata la polemica sul ritorno dei predatori. I difensori degli animali si mobilitano per trovare il "colpevole", mentre il piano nazionale di gestione sarà rivisto.

I manifesti stile "Wanted" non sono piaciuti a tutti, è il minimo che si possa dire. Sulla foto, un uomo punta il fucile contro lo spettatore. "Bracconiere del lupo del Calanda - 10'000 franchi di ricompensa per qualsiasi informazione che consentirà di arrestare il colpevole".

Il cartello è stato affisso alla metà di gennaio a Tamins, nel cantone dei Grigioni. Finora, il villaggio di un migliaio di abitanti, situato a una ventina di minuti da Coira, ai piedi del massiccio del Calanda, era noto solo per essere il luogo dove due braccia separate del Reno si congiungono e formano un solo fiume.

Ma dal 3 gennaio, quando vi è stato trovato un giovane lupo abbattuto, che aveva agonizzato per alcuni giorni, Tamins ha una nuova notorietà. "È solo la terza volta in 20 anni che un lupo è stato ucciso illegalmente in Svizzera", ha dichiarato David Gerke, presidente del Gruppo Lupo Svizzera (GLS).

Questo lupo faceva parte dell'unico branco che si trova in Svizzera (a titolo di confronto, in Germania ve ne sono 25, secondo gli ultimi conteggi). Identificato nel 2012, il branco alla fine dello scorso anno era composto di 10 o 11 esemplari.

Attrazione turistica

Molti abitanti sono orgogliosi del "loro" branco, che pare attragga anche i turisti. "Ma ci sono buone probabilità che il lupo vi veda molto prima di quando voi lo scorgete mentre cercate di osservarlo", ha avvertito scherzosamente il capo del Ufficio per la caccia e la pesca dei Grigioni, Georg Brosi.

È il GLS che ha avuto l'idea della ricompensa per trovare il bracconiere. La provocazione dell'immagine e dell'importo ha acceso gli animi. Un cacciatore di Tamins che ha detto in televisione di approvare il gesto del tiratore ha in seguito ricevuto minacce. Anche David Gerke ha ricevuto messaggi poco amichevoli. Gli estremisti di entrambe le parti accusano gli "isterici" e i "fanatici" del campo avverso.

Protezione delle greggi Attenti al lupo

Il lupo ha fatto ritorno in Svizzera dopo essere stato assente per oltre un secolo. Non tutti però ne sono contenti e le ragioni degli allevatori, ...

"La ricompensa di 10'000 franchi viene effettivamente contestata. Il dibattito è molto emozionante. Avevamo proposto 5'000 franchi, ma abbiamo ricevuto molte donazioni. Del resto, la maggior parte proviene da qui, non da grandi città distanti che non sanno nulla sul lupo", dice il presidente del GLS.

La critica è ricorrente nella regione: "I protettori degli animali spesso non capiscono nulla", si sente dire a Tamins. "Sparare a un lupo non è davvero un atto eroico", osserva Jakob Willi, che sogna di vedere una volta il predatore durante le sue passeggiate. "Ma la ricompensa è un'idiozia. Ci sono abbastanza persone che stanno male nel nostro Paese", aggiunge.

Un'altra residente va esattamente nella stessa direzione. Il lupo? "Nessun problema". La ricompensa? "Non è necessaria". Soltanto una gioviale settantenne concede: "A volte occorrono misure drastiche per ottenere un risultato".

Per sbaglio

Il GLS ha ricevuto informazioni che ha trasmesso alla polizia, conferma il portavoce del Ministero pubblico, Maurus Eckert. "L'indagine è in corso, non possiamo dire nulla, tranne che il tiratore rischia una pena detentiva per aver ucciso un animale protetto".

Il Ministero pubblico potrebbe anche dover aprire una seconda inchiesta. Il 28 gennaio, l'Ufficio per la caccia e la pesca ha infatti annunciato l'uccisione di un altro lupo, un giovane maschio, a Domleschg, a una ventina di chilometri da Tamins sull'altro versante del Calanda.

Tuttavia, il caso è completamente diverso. È stato lo sparatore stesso a presentarsi alla polizia e a spiegare di aver confuso il lupo con una volpe. "L'Ufficio per la caccia e la pesca deve sporgere denuncia, precisa Maurus Eckert. Se si tratta di un atto di negligenza, il tiratore rischia fino a 10'000 franchi di multa".

Gli amici e i nemici

Secondo Jan Boner, responsabile della formazione dei cani da pastore nei Grigioni, "il ritorno dei lupi in Svizzera è inevitabile. Le tracce moltiplicano. Ci sono forti probabilità che altri branchi si insedieranno. Se ci sono cervi, camosci, caprioli e cinghiali – e abbiamo moltissimi cervi – i lupi ritornano. È la quantità di cibo che influenza la popolazione. Possiamo vivere con i lupi , ma è necessario fare alcuni investimenti per proteggere le greggi".

Mentre le linci fanno relativamente pochi danni e gli orsi richiedono misure speciali – in particolare in materia di gestione dei rifiuti –secondo Jan Boner, c'è un modo efficace e naturale di evitare i danni, utilizzato in tutta Europa e in Asia, dove il lupo è rimasto presente nel 20° secolo e si è moltiplicato dagli anni 1970 grazie alle misure di protezione: i cani, specialmente delle razze della Maremma-Abruzzi e dei Pirenei.

Ci sono molte idee sbagliate circa il lupo, afferma David Gerke, presidente del Gruppo Lupo Svizzera. Una di queste è che il lupo ha bisogno di natura selvaggia e che la Svizzera è troppo abitata. Ma i Grigioni hanno 25 abitanti per km2, contro gli 89 del Trentino, dove sono presenti persino gli orsi, sottolinea Gerke. E negli Abruzzi, regione dove i lupi non sono mai stati sterminati, la densità è di 122 abitanti per km2.

Molti parlamentari federali hanno cercato negli ultimi anni di allentare o addirittura abrogare la protezione del lupo, garantita dalla Convenzione di Berna "relativa alla conservazione della vita selvatica e dell'ambiente naturale in Europa", ratificata dalla Svizzera.

Fine della finestrella

Il Piano di gestione Lupo, che sarà rivisto nel 2014, prevede già la possibilità di autorizzare l'abbattimento di lupi, se vengono soddisfatte determinate condizioni, in particolare se mettono in pericolo delle greggi. Finora, sono stati legalmente uccisi otto lupi in Svizzera: sette in Vallese e uno nei Grigioni.

Gli amici del lupo si moltiplicano

Ursina Marx, un'abitante di Coira per la quale il lupo è "un po' un simbolo di libertà", dopo il bracconaggio ha creato su Facebook il gruppo "I nostri lupi del Calanda". In meno di un mese, si è avvicinato alla soglia dei 10mila amici. "Non vogliamo lanciare una caccia alle streghe, ma un atto del genere non dovrebbe accadere", spiega la donna.

"Rattristato" dall'abbattimento del lupo, il capo dell'Ufficio per la caccia e la pesca ricorda che, grazie a misure di protezione delle greggi, certamente costose ma efficaci (cani, recinzioni elettrificate e ritorno dei pastori), solo nove animali sono stati uccisi dai lupi nel 2013 tra i cantoni dei Grigioni e di San Gallo, pure territorio del branco del Calanda.

Proprio il carattere di modello dei Grigioni rende "più sorprendente e drammatico il bracconaggio", rileva David Gerke. Contrariamente a quanto alcuni gli rimproverano, il solettese afferma di non essere un "fanatico del lupo" e tanto meno un "nemico dei cacciatori".

Lui stesso cacciatore e pastore, Gerke ritiene che ci siano "situazioni in cui l'abbattimento di lupi è giustificato". "Sono assolutamente contrario ad autorizzare la caccia tutto l'anno, ma non a permetterla per un determinato periodo, evitando i mesi primaverili e autunnali, e fissando quote massime che non mettano in pericolo la popolazione di lupi".

Un branco non fa primavera

Questo è esattamente ciò che prevede l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM). "Potranno essere fissate quote per regioni, sulla base di precisi criteri, spiega Reinhard Schnidrig , capo della Sezione Fauna selvatica e biodiversità forestale dell'UFAM. Ma prima di regolare, occorre avere degli effettivi sufficienti. La riproduzione deve essere garantita. Con un solo branco nel massiccio del Calanda, ciò non è ancora il caso".

Attualmente, in Svizzera è stata accertata la presenza di 24 lupi, ma si stima che ve ne siano dai 25 ai 30. Secondo David Gerke, "la Svizzera potrebbe tranquillamente vivere con 200 lupi, mentre ora ce ne sono solo 20".


(Traduzione dal francese: Sonia Fenazzi), swissinfo.ch

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.