Opinione
Identità

Perché la gente ignora sempre la mia identità svizzera?

Alexandre Afonso

Alexandre Afonso dice che il suo cognome e il suo aspetto portano molte persone a vederlo difficilmente come svizzero.

Sono nato e cresciuto in Svizzera, ho un passaporto svizzero e parlo francese con il tipico accento del mio cantone nativo: Vaud. Il mio tedesco e il mio italiano sono piuttosto buoni. Ho usato molto il primo nel mio lavoro e ho scelto il secondo come materia scolastica perché ero negato in matematica.

Dato che ho insegnato scienze politiche svizzere all'università, probabilmente conosco la politica e la storia del mio Paese meglio della maggior parte degli svizzeri. So per esempio che lo Stato austriaco del Vorarlberg ha votato per l'adesione alla Svizzera nel 1919 e che noi lo abbiamo rifiutato, e posso tranquillamente spiegare perché il "consenso" è una caratteristica così importante del nostro sistema politico. Ho letto Blaise Cendrars, Friedrich Dürrenmatt e Yakari. So che il professor Topolino e Cantonneau sono due scienziati svizzeri che compaiono nei fumetti di Tintin. Ricordo il calcio di punizione mandato in rete da Georges Bregy contro gli Stati Uniti ai mondiali di calcio del 1994.

Eppure, all'estero dove vivo da 12 anni (in Italia, Germania, Regno Unito e Paesi Bassi), raramente vengo identificato come svizzero o mi vengono rivolte domande sulla mia identità svizzera. Quando mi chiedono da dove vengo, rispondo sempre dalla Svizzera (dove sono nato e cresciuto), ma vedendo la sorpresa mi sento sempre in dovere di spiegare che i miei genitori sono portoghesi ed è da qui che provengono il mio cognome, la carnagione e i capelli scuri. Poi, il lato svizzero spesso scompare completamente dalla conversazione. Mi chiedono di Cristiano Ronaldo o dei bei posti di vacanza in Algarve. Sono molto legato anche al Portogallo, dove si trova la maggior parte dei miei parenti, ma non ci ho mai vissuto. Mi stupisco sempre di come il mio nome e il mio aspetto sembrino molto più importanti per le persone che incontro rispetto al luogo dove ho trascorso la maggior parte della mia vita.

Quando abitavo in Italia, un francese con cui avevo parlato regolarmente in francese per sei mesi sull'autobus mi ha chiesto dove avevo imparato il francese, perché era piuttosto buono. Non sono ancora sicuro che sapesse che parte degli svizzeri è di madrelingua francese, o che riesca ad immaginare che qualcuno con un nome come il mio e quell'accento possa essere di lingua madre francese. Quando vivevo a Londra, una volta ho rilasciato un'ampia intervista a un importante giornale economico internazionale sulle elezioni svizzere: il mio nome non è stato minimamente menzionato nell'articolo. Stranamente, sono apparsi i nomi di altri "esperti" con cognomi  "più svizzeri". Suppongo che suonasse più autorevole una citazione di un Müller o di un Lüthi di un'università svizzera piuttosto che di un Afonso del King's College di Londra, dove lavoravo all'epoca.

Questo è abbastanza frustrante perché in qualche modo ho lavorato molto più duramente per essere svizzero della maggior parte degli svizzeri. Ho fatto domanda di naturalizzazione e prima ancora sono stato il primo straniero eletto nel consiglio comunale della mia città natale. Ho imparato le lingue, la storia e la politica della Svizzera, ma in qualche modo niente di tutto questo mi farà mai "sembrare" svizzero, perché la gente sembra avere in testa delle rigide scatole psicologiche alle quali le persone devono "calzare a pennello": una persona svizzera deve avere questo aspetto, una svedese deve avere quest'altro aspetto. Così associa un determinato nome o colore della pelle a un determinato stereotipo nazionale. Il problema è che al giorno d'oggi i nomi o l'aspetto delle persone dicono poco di quello che sono.

Alexandre Afonso è professore associato di politiche pubbliche all'università di Leida, in Olanda.

Condividi questo articolo