Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

KABUL - Circa 50 ragazze allieve di una scuola nel sud-ovest dell'Afghanistan sono state ricoverate con sintomi da avvelenamento come conseguenza di quella che le forze di sicurezza afgane sospettano essere un attentato terroristico con l'uso di gas tossici.
Se confermato, si tratterebbe dell'ultimo di una serie di attacchi per i quali si sospettano integralisti islamici che si oppongono alla scolarizzazione delle donne.
"Si tratta di nuovo dello stesso tipo di attentato, con cui si vogliono scoraggiare le ragazza dal frequentare la scuola", ha detto un portavoce della polizia della provincia di Ghazni, dov'è avvenuto l'episodio. "E' molto inquietante. Finora non abbiamo trovato indizi per dirci da dove venga questa sostanza (tossica) né chi ci sia dietro", ha aggiunto la fonte.
I talebani, che pure negli anni in qui erano al potere in Afghanistan (1996-2001) proibirono alle donne di frequentare le scuole, di solito condannano episodi come quello di Ghazni e in passato hanno sempre negato di essere coinvolti. Tuttavia in questi ultimi anni i talebani hanno bruciato numerose scuole femminili, minacciato insegnanti e anche allieve nelle zone rurali in cui sono più forti.

SDA-ATS