Navigation

Berna: sorpresa al Bärenpark, entrambi orsetti sono femmine

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 novembre 2010 - 13:28
(Keystone-ATS)

BERNA - Sorpresa al parco degli orsi di Berna: entrambi gli orsetti nati lo scorso dicembre, Urs e Berna, sono femmine e non maschi. Lo ha stabilito un esame clinico effettuato sotto narcosi totale. A dare la notizia è stato oggi il direttore del parco Bernd Schildger.
Lo scorso giugno, al momento della vaccinazione, un veterinario aveva sottoposto a un esame sommario gli orsacchiotti, che alla nascita erano stati ritenuti un maschio e una femmina, arrivando alla conclusione che erano entrambi maschi. Si era comunque deciso di lasciare a Berna il suo nome femminile. Una decisione che si è dimostrata giudiziosa. Il risultato del nuovo esame è infatti categorico: Berna è una femmina. Ma la vera sorpresa riguarda Urs: femmina anche "lui"! E da subito ha il nuovo nome che gli spetta: Ursina.
La scorsa estate il veterinario aveva potuto soltanto tastare brevemente il sesso degli orsi e aveva constatato "strutture" che facevano pensare a un pene, scrive Schildger nella sua nota. Il nuovo esame sotto narcosi ha rivelato che i due orsetti dispongono invece di un "robusto clitoride".
L'esame è avvenuto venerdì scorso, nel corso dell'intervento per impiantare nei due plantigradi, che hanno ormai raggiunto i 70 chili, un microchip che costituirà una "carta di identità" non falsificabile.
Secondo i responsabili del Bärenpark, mamma Björk ha verosimilmente capito fin dall'inizio che si trattava di due femmine. Il fatto ha conseguenze positive: poiché le orse respingono le figlie più tardi di quanto facciano con i figli maschi, ci sarà più tempo per trovare una nuova casa per Berna e Ursina. I responsabili stanno valutando diverse proposte in Svizzera e all'estero. In estate aveva suscitato emozione la notizia di stampa di una prossima probabile eutanasia, vista la difficoltà di sistemare altrove gli orsi.
Il nuovo Bärenpark bernese si estende su 6'000 m2 ed ha sostituito la vecchia Fossa degli orsi, costruita nel 1857, che era divenuta oggetto di critiche da parte degli animalisti. Assieme ai loro genitori, Finn e Björk, i due neonati hanno attirato ogni giorno una numerosa folla ai bordi dell'Aare. Nel suo primo anno di apertura al pubblico, il Parco ha registrato 2,4 milioni di visitatori.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.