Navigation

Cile: scontri polizia-studenti in varie città, 552 arresti

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 agosto 2011 - 07:06
(Keystone-ATS)

Più di 550 persone sono state arrestate ieri in diverse città del Cile nel corso di scontri fra studenti e forze dell'ordine, durante manifestazioni studentesche per chiedere più fondi per l'insegnamento pubblico.

Non più di 5.000 persone hanno preso parte alle manifestazioni a Santiago e in una dozzina di città, ma "si è arrivati a un totale di 552 arresti e 29 poliziotti feriti, di cui uno in gravi condizioni", ha annunciato alla stampa ieri sera il vice-ministro dell'Interno Rodrigo Ubilla, secondo il quale non ci sono stati "civili feriti". La maggioranza degli arrestati (284) sono stati a Santiago.

La giornata di mobilitazione di ieri, l'ottava dall'inizio delle proteste a maggio, è stata di gran lunga la più violenta, ma anche la meno partecipata. A giugno c'erano state manifestazioni con fino a 80.000 persone.

Studenti e insegnanti, che chiedono l'aumento dei fondi per la scuola pubblica e superiore, avevano annunciato due manifestazioni per ieri. Il governo non aveva autorizzato questi cortei, un divieto visto come una "provocazione" dai contestatori.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?