Navigation

Cina: inflazione al 6,4%, la più alta da tre anni

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 luglio 2011 - 09:26
(Keystone-ATS)

L' inflazione in Cina è cresciuta del 6,4% in giugno, il livello più alto degli ultimi tre anni. I dati sull'andamento dei prezzi al consumo sono stati diffusi oggi dall'Ufficio per le statistiche di Pechino.

Il governo cinese ha fissato al 4% il massimo livello "accettabile" dell'inflazione, che considera pericolosa per la "stabilità sociale". Il premier Wen Jiabao ha ammesso che raggiungere quest'obiettivo nel 2011 sarà "difficile".

Secondo i dati diffusi oggi i prezzi dei beni alimentari, quelli ai quali la popolazione è più sensibile, sono aumentati del 14,4%, con punte del 57,1% per la carne di maiale.

Per bloccare la crescita dei prezzi la banca centrale cinese ha aumentato a varie riprese il tasso d'interesse e la percentuale di riserve obbligatorie delle banche. Le misure, secondo alcuni economisti, potrebbero avere degli effetti nella seconda parte dell'anno. Altri ritengono che non siano sufficienti e che saranno necessari nuovi interventi restrittivi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.