Navigation

Costa d'Avorio: Terre des Hommes, èemergenza umanitaria

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2011 - 13:28
(Keystone-ATS)

L'organizzazione non governativa italiana Terre des Hommes esprime profonda preoccupazione per l'emergenza umanitaria che sta vivendo la Costa d'Avorio, causata dalla crisi post-elettorale e sta intervenendo per dare soccorso alla popolazione civile.

"Migliaia di persone sono in fuga e l'esodo potrebbe assumere proporzioni enormi", dichiara Alessandro Rabbiosi, delegato di Terre des Hommes in Costa d'Avorio. "A causa della violenza nelle strade di Yopougon, una delle municipalità di Abidjan, abbiamo dovuto chiudere la nostra Casa del Sole, un centro d'accoglienza per bambini di strada che negli ultimi giorni aveva registrato il triplo di frequentazioni e di richieste d'aiuto e sostegno psicologico rispetto all'attività di routine. Nonostante la chiusura del centro però continueremo a occuparci dei bambini, monitorando la situazione delle famiglie e rispondendo ai loro bisogni più urgenti".

Nel frattempo Terre des Hommes ha organizzato questa mattina un intervento di distribuzione di materiale igienico, biscotti ipocalorici, stuoie di plastica, acqua e pastiglie di cloro avute da Unicef per gli sfollati nel quartiere di Abobo, dove 2.000 persone sono rifugiate nella parrocchia di Saint Mathieu e migliaia stanno scappando cercando riparo nelle zone non ancora sottoposte a scontri. "Si tratta di interventi estremamente indispensabili di aiuto umanitario, senza i quali le vittime più vulnerabili di questo scontro, i bambini appunto, potrebbero non sopravvivere - continua Rabbiosi e che intendiamo condurre in modo completamente indipendente dagli schieramenti in lotta in questo momento, come abbiamo dimostrato in tutti questi anni di presenza della nostra organizzazione in Costa d'Avorio, contribuendo a rafforzare le strutture sanitarie di varie regioni del Paese e a combattere la diffusione dell'AIDS soprattutto nelle mamme e bambini".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?