Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Confederazione analizzerà la situazione per stabilire se le misure disposte dalla Francia in materia fiscale sono conformi all'accordo di doppia imposizione: questa la reazione di Mario Tuor, responsabile della comunicazione della Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali, dopo l'annuncio di Parigi secondo cui gli "esiliati" francesi in Svizzera, a beneficio di forfait fiscali, saranno tassati anche nel loro paese d'origine se vi svolgono un'attività professionale.

Le intese negoziate in passato con la Francia sono comunque particolari: i residenti stranieri di altri paesi a beneficio in Svizzera della tassazione forfettaria non approfittano infatti, come i francesi, degli accordi di doppia imposizione e devono dichiarare al fisco i redditi conseguiti in patria. Parigi è ora intenzionata ad applicare la stessa regola ai propri cittadini.

Secondo la Segreteria di Stato per le questioni finanziarie la Svizzera è stata informata a livello tecnico dell'intenzione francese di rivedere le modalità di attuazione degli accordi di doppia imposizione con Berna: quanto alle più recenti decisioni, risalenti al primo gennaio scorso, non ha però ricevuto nessuna comunicazione ufficiale.

Si moltiplicano intanto in Svizzera le reazioni politiche. Il presidente del partito liberale-radicale Philipp Müller ha definito la decisione francese "un affronto" e ha esortato i responsabili della politica estera a imparare la lezione: "gli stati, ha detto, non hanno amici, ma soltanto interessi".

Per Luzi Stamm, vice presidente dell'Unione democratica di centro, si tratta in ogni caso di una vicenda interna francese: l'importante è che la Svizzera continui ad offrire l'opzione della tassazione forfettaria. Critico anche Urs Schwaller, capogruppo parlamentare del partito popolare democratico: la Francia farebbe meglio a riflettere sui suoi alti tassi impositivi. Di parere opposto Andy Tschümperlin, capogruppo parlamenare del partito socialisti: le rivendicazioni della Francia confermano le posizioni del PS.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS