Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Schianto "milionario" sull'Autostrada dei Fiori. Un giovane tedesco è andato a sbattere a 320 chilometri orari con la sua Pagani Zonda. La supercar, 1,5 milioni di franchi per una accelerazione da 0-100 km/h in tre secondi e mezzo, poco più che un battito di ciglia, è andata completamente distrutta. Illeso l'autista e l'amica lituana che viaggiava al suo fianco.

L'incidente, due notti fa, subito dopo il casello di Spotorno. L'alta velocità, l'asfalto bagnato per la pioggia e il buio della notte e S.K, 28 anni di Monaco di Baviera ma residente nel Principato di Monaco, ha perso il controllo della potente auto.

Il penultimo modello della Pagani, oltre 600 cavalli erogati da un motore V12 della Mercedes, ha fatto un testacoda e, dopo aver picchiato a destra, ha perso una ruota, ha cappottato e ha concluso la sua folle corsa contro il guard rail di sinistra.

Il giovane 'dal piede pesantè, illeso, è uscito a fatica dai rottami dell'auto, aiutando poi l'amica ventunenne a liberarsi dalle lamiere al carbonio accartocciate attorno ai sedili sportivi in pelle chiara. Immediati sono scattati i soccorsi, allertati dagli automobilisti di passaggio. Trasportati in ospedale, i due se la sono cavata con qualche graffio guaribile in pochi giorni.

Difficile invece recuperare la Zonda nera metallizzata, che si trova ora nella rimessa di un carrozziere di Savona e molto probabilmente dovrà essere rottamata.

Una tentazione in meno per il giovane tedesco, che già un anno fa era stato fermato sulla A10 dalla polizia stradale, nei pressi di Castellaro. guidava una Lamborghini Gallardo da 600 mila euro e anche in quel caso, neanche a dirlo, aveva superato di gran lunga i limiti di velocità, beccandosi una multa salata.

Decisamente più pesanti le conseguenze dell'incidente a 320 chilometri orari dell'altra notte: la milionaria Pagani Zonda, auto adatta più ai circuiti che alla strada, è da buttare via. Ma non è tutto: la stradale gli ha ritirato la patente e, non appena si riprenderà dallo choc, il tedesco dovrà anche risarcire l'Autostrada dei Fiori per il guard rail danneggiato. Resta, però, la consolazione di aver salvato la pelle, la sua e quella della bella amica. Vista la velocità, e la fine che ha fatto l'auto, non è poco.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS