Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un migliaio di serbi ha inscenato oggi una manifestazione a Zubin Potok, nel nord del Kosovo, per sottolineare il loro rifiuto di pagare le tasse al "cosidetto stato del Kosovo".

I dimostranti hanno detto di voler versare le imposte allo stato serbo, e hanno chiesto a Belgrado di accentuare la sua presenza nel nord del Kosovo. E il prossimo dialogo fra Pristina e Belgrado, hanno sottolineato, sarà anche un negoziato sulla sopravvivenza dei serbi nel nord.

La manifestazione, riferisce la Tanjug, si è svolta senza incidenti, sotto il controllo della polizia kosovara e delle forze di Eulex e Kfor.

Il nord del Kosovo è a maggioranza di popolazione serba, e per questo la tensione interetnica è maggiore rispetto al resto del Paese. La maggiore città del nord, Kosovska Mitrovica, è divisa in due dal fiume Ibar in un settore serbo (a nord) e in uno albanese (a sud).

La Serbia non riconosce l'indipendenza proclamata da Pristina il 17 febbraio 2008 e continua a considerare il Kosovo una propria provincia meridionale. Finora 75 paesi, sul totale dei 192 rappresentati all'Onu, hanno riconosciuto l'indipendenza di Pristina.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS