Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LUCERNA - L'ormai secolare divieto di ballare nei giorni festivi in vigore nel canton Lucerna va mantenuto: è l'opinione espressa dalla commissione dell'economia e dei tributi del parlamento che, contrariamente al governo, non intende rinunciare alla proibizione.
Secondo i commissari non è il caso di gettare a mare ogni limite imposto dalla tradizione: anche in altre culture certi valori vengono custoditi con cura, si legge in un comunicato odierno. I momenti di pausa migliorano inoltre la qualità della vita, viene fatto notare.
Nel marzo 2009 il parlamento aveva accolto di strettissima misura (51 a 50) una mozione che auspicava lo stralcio dalla legge sugli esercizi pubblici del divieto di muoversi al ritmo di musica durante le festività.
Dopo il passaggio in governo e in commissione, l'oggetto sarà affrontato dal Gran consiglio probabilmente nella sessione del 10 e 11 maggio. Chissà se sarà l'ultima occasione di dibattito sul tema: come aveva dichiarato la responsabile del dipartimento della giustizia Yvonne Schärli, la questione infiamma i dibattiti politici nel canton Lucerna dal lontano 1428.

SDA-ATS