Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sbanca il partito putiniano Russia Unita nel test elettorale di ieri in Russia, dove oltre 40 milioni di elettori erano chiamati a partecipare a circa 7000 elezioni amministrative in 80 delle 83 entità territoriali federali, per eleggere sindaci, governatori (in otto regioni) e assemblee locali (comprese quelle di 16 regioni).

Secondo i risultati preliminari, Russia Unita ha vinto non solo le elezioni per il sindaco di Mosca (pur con un margine risicato, e contestato dallo sfidante Navalni) ma quasi ovunque. A parte due clamorose eccezioni: a Yekaterinburg, sugli Urali, dove Ievgheni Roizman, noto per i suoi controversi metodi di lotta alla droga e sostenuto dall'oligarca Mikhail Prokhorov, ha battuto con il 30,11% il vice governatore regionale Yakov Silin, di Russia Unita, fermatosi al 26,48%; e a Petrozavodsk, capitale della Carelia (a nord della Russia europea), dove una candidata indipendente, Galina Shirshina, appoggiata anche da Iabloko, si è imposta con il 41,9%, superando del 13% il sindaco uscente Nikolai Levin, anche lui del partito di Putin.

A Yaroslavl, infine, il partito liberale di opposizione Parnas - lo stesso con cui ha corso Navalni a Mosca - ha superato la soglia del 5% per entrare nella Duma regionale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS