Navigation

Siria: ministero Difesa,domani stop operazioni militari

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 aprile 2012 - 17:43
(Keystone-ATS)

L'esercito siriano interromperà domattina le operazioni militari. Lo ha detto il ministero della difesa di Damasco, citato dalla tv di Stato.

Nel comunicato, diffuso in versione integrale dall'agenzia ufficiale siriana Sana, non si fa però riferimento ad alcuna forma di ritiro delle truppe governative dai centri urbani.

"Dopo che le nostre forze armate hanno eseguito con successo le missioni per contrastare le azioni criminali dei gruppi armati terroristici e hanno riportato l'autorità dello Stato sui suoi territori - recita il comunicato - si decide la cessazione di queste azioni a partire da domattina giovedì 14 aprile 2012".

Il testo conclude affermando che "le nostre forze armate immortali rimarranno pronte a rispondere ad ogni aggressione compiuta dai gruppi armati terroristi contro i civili, le forze dell'ordine, le forze armate, le proprietà private e pubbliche e per proteggere la sicurezza della patria e dei cittadini".

Il mediatore ONU-Lega Araba per la Siria, Kofi Annan, ha ricevuto una lettera dal ministro degli Esteri siriano Walid Mouallem, che annuncia la cessazione delle operazioni in Siria domani dalle 6 locali. Damasco, riferisce il portavoce di Annan, si riserva però "il diritto di reagire agli attacchi dei gruppi terroristici armati".

"Ora tocca all'opposizione armata, queste sono le condizioni del piano di Kofi Annan": così il viceministro degli Esteri russo Ghennadi Gatilov ha twittato dopo aver diffuso la notizia dell'impegno del governo siriano a interrompere le operazioni militari domani mattina.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?