Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MADRID - Il noto giudice spagnolo Baltasar Garzon, già sospeso dalle proprie funzioni in attesa di processo, è stato autorizzato oggi a lavorare presso il Tribunale penale internazionale (TPI) dell'Aja, accogliendo così una sua richiesta.
Lo ha ha rivelato una fonte giudiziaria citata dall'agenzia AFP.
L'autorizzazione è stata concessa dopo il voto favorevole di tre dei cinque membri del Consiglio generale del potere giudiziario (Cgpj), l'organo di tutela della magistratura che ha deliberato sulla sua richiesta. La decisione sulla sua richiesta era attesa per venerdì.
Il giudice Garzon era stato sospeso temporaneamente dalle sue funzioni lo scorso venerdì in seguito alla decisione del tribunale di farlo processare per "prevaricazione" a proposito di una inchiesta controversa sul franchismo. Garzon è accusato dalle organizzazioni di estrema destra di aver indagato sulle vittime e sui crimini del franchismo ignorando, volontariamente, a loro avviso, di una legge di amnistia del 1977 votata due anni dopo la morte del dittatore Francisco Franco.

SDA-ATS