Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GRENCHEN - Il tasso ipotecario di riferimento, che serve per determinare le pigioni in tutta la Svizzera, resta invariato al 3% per i prossimi tre mesi. Gli inquilini non possono quindi chiedere una riduzione degli affitti e i proprietari un loro aumento. Tuttavia, modifiche preesistenti possono tuttora essere fatte valere, ricorda oggi l'Ufficio federale delle abitazioni (UFAB) in una nota.
Si ha un nuovo tasso ipotecario di riferimento quando il tasso d'interesse medio per i crediti ipotecari svizzeri, ponderato sul tasso d'interesse medio del 3,43% rilevato la prima volta, aumenta o diminuisce di 0,25 punti percentuali. Rispetto al trimestre precedente il tasso d'interesse medio è passato dal 2,75% al 2,69%.
Non essendo stata varcata la soglia del 2,68% determinante per un'ulteriore adeguamento, il tasso ipotecario di riferimento rimane quindi al 3%, si legge nella nota.
Il tasso ipotecario di riferimento e il tasso d'interesse medio che lo determina sono pubblicati trimestralmente dall'UFAB. Dal 10 settembre 2008 in tutta la Svizzera il tasso per la determinazione delle pigioni è stato unificato, sostituendo quello precedentemente determinante nei singoli cantoni per le ipoteche a tasso variabile.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS