Prospettive svizzere in 10 lingue

MSC: la discreta famiglia ginevrina di armatori con un impero globale

Gianluigi Aponte
Il signore dei Sette mari, o meglio del trasporto in container su di essi: la famiglia di Gianluigi Aponte controlla un quinto del traffico merci in alto mare con la sua compagnia di navigazione MSC, con sede a Ginevra. Afp Or Licensors

Occupano la quinta posizione nella classifica delle 300 persone più ricche della Svizzera: il patrimonio degli Aponte è stimato tra i 18 e i 19 miliardi di franchi.

Azienda di famiglia: il capofamiglia è Gianluigi Aponte (83), originario di Sorrento, vicino a Napoli. Insieme alla moglie Rafaela (78), figlia di un banchiere ginevrino, ha fondato la compagnia di navigazione MSC a Ginevra. Ognuno di loro detiene la metà delle azioni.

Il figlio Diego (48), la figlia Alexa (51) e il marito di quest’ultima, Pierfrancesco Vago (62), sono responsabili delle operazioni, scrive la rivista economica Bilanz. L’unica persona esterna alla famiglia ai vertici aziendali è l’amministratore delegato del gruppo, Soren Toft.

Compagnia di navigazione da record: Aponte ha iniziato l’attività nei primi anni Settanta, con alcune navi di seconda mano. Oggi la Mediterranean Shipping Company (MSC) è la più grande compagnia di navigazione del mondo, con 793 navi portacontainer. Altre 123 imbarcazioni sono già state ordinate.

MSC trasporta 22 milioni di container all’anno e impiega 180’000 persone. Un quinto del trasporto marittimo mondiale è nelle mani della società ginevrina. Nessun’altra compagnia di navigazione ha così tanto potere di mercato e così tante navi. Oltre all’attività di trasporto merci, MSC ha anche ampliato la sua attività di crociera, MSC Crociere, che gestisce un’isola privata alle Bahamas.

portacontainer
Uno dei 793 portacontainer della MSC. SRF

Segretezza: i profitti e il fatturato di MSC sono un segreto di famiglia. I rappresentanti della famiglia e dell’azienda non rilasciano quasi mai interviste. Secondo i media, MSC ha generato un fatturato di oltre 86 miliardi di euro e un utile di 36 miliardi di euro nel 2022.

L’analista navale Jan Tiedemann ha descritto queste cifre a SRF come plausibili. Gli affari sono andati particolarmente bene negli anni della pandemia. Le strozzature nei rifornimenti hanno fatto aumentare le tariffe di trasporto e quindi i ricavi. “Si è verificato un aumento estremo delle tariffe di trasporto e la compagnia di navigazione ha guadagnato molto”, afferma Tiedemann.

Crescita: con le casse piene, MSC si è data allo shopping. Ha acquistato azioni di un operatore ospedaliero sudafricano e anche linee ferroviarie in Africa e, più recentemente, in Italia. Anche i porti fanno parte del portafoglio della società ginevrina: MSC ne possiede 70 attraverso una società controllata.

Sotto i riflettori: MSC ha fatto notizia con il suo investimento nell’operatore portuale di Amburgo HHLA. La compagnia ginevrina sta così facendo breccia nel territorio della più grande compagnia di navigazione commerciale tedesca, Hapag-Lloyd.

L’azionista di maggioranza di quest’ultima, Klaus-Michael Kühne, ha espresso pubblicamente il suo disappunto per la nuova concorrenza giunta davanti alla sua porta di casa. Anche i sindacati non sono contenti dell’ingresso della compagnia di navigazione svizzera. Il personale del porto di Amburgo ha manifestato e scioperato per settimane contro l’accordo, che non è ancora concluso. Tuttavia, la compagnia di navigazione ginevrina e la città di Amburgo detengono ora ben l’86% di HHLA. Tuttavia, è ancora necessaria l’approvazione delle autorità e della cittadinanza.

Meno vento in poppa: Dopo gli anni del boom legato alla pandemia, il settore del trasporto merci si è raffreddato negli ultimi anni. I profitti non sono più così abbondanti, ma è improbabile che questo freni le ambizioni di crescita di MSC.

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR