Navigation

Ban Ki-moon a Berna ringrazia Svizzera e Calmy-Rey

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 ottobre 2011 - 15:03
(Keystone-ATS)

Uno speciale ringraziamento per aver contribuito a fare della Svizzera una presenza attiva nelle Nazioni Unite è stato espresso oggi dal segretario dell'ONU Ban Ki-moon alla presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey, a margine dell'assemblea dell'Unione interparlamentare in corso a Berna.

"Siete stata una guida forte" in seno all'organizzazione internazionale, "grazie e auguri di ogni bene!", ha detto il segretario generale rivolto alla consigliera federale ed esprimendosi in francese. Il ringraziamento è stato espresso anche nei riguardi di Berna, per il sostegno finanziario, in particolare per i 50 milioni di franchi assegnati nell'ammodernamento della sede ONU a Ginevra.

In precedenza, nel corso di colloqui cui hanno perso parte anche i ministri Doris Leuthard, Didier Burkhalter e Ueli Maurer, il segretario dell'ONU - in visita ufficiale - ha espresso al governo elvetico il proprio riconoscimento per l'impegno della Svizzera in settori quali la mediazione, la promozione e il mantenimento della pace.

Su questo fronte, la Svizzera "si schiererà a fianco dell'ONU anche in futuro come partner affidabile in grado di fornire un aiuto prezioso", ha detto Calmy-Rey. Una concreta opportunità si è presentata recentemente in occasione delle rivolte in Nord Africa e in Medio Oriente nell'ambito di quella che viene definita "primavera araba".

Fin dalla sua adesione all'ONU nel settembre 2002, la Svizzera si è affermata come membro "attivo, innovativo e affidabile", ha detto ancora Calmy-Rey al termine dei colloqui. "Sono convinta che continuerà su questa strada anche in futuro, poiché molte delle sfide attuali - sicurezza, pace, lotta alla povertà, protezione dei diritti umani e delle risorse naturali - possono essere risolte soltanto a livello globale".

"Con il suo impegno a favore di un'ONU forte, la Svizzera non solo fornisce un contributo alla soluzione dei problemi del nostro pianeta, ma agisce in ultima analisi anche nel proprio interesse" ha dichiarato la presidente della Confederazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?