Navigation

Birmania: San Suu Kyi, presentato ricorso contro condanna

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 dicembre 2009 - 14:11
(Keystone-ATS)

RANGOON - La Corte Suprema della Birmania ha ricevuto oggi e accettato di discutere il ricorso in appello della dissidente Aung San Suu Kyi, Nobel per la Pace nel 1991, contro la condanna a 18 mesi di arresti domiciliari inflittale in primo grado per aver violato le leggi sulla sicurezza.
Sebbene non sia stata fissata ancora una data per l'udienza, l'avvocato della donna, Nyan Win, si è detto certo che presenterà il caso in aula entro un mese.
Lo scorso agosto la leader politica era stata condannata inizialmente a tre anni di reclusione e ai lavori forzati per aver ospitato per due giorni un americano, John Yettaw, che aveva raggiunto a nuoto la sua residenza ed era stato da lei ospitato. Secondo la sentenza Suu Kyi, che ha trascorso buona parte degli ultimi 19 anni fra carcere e arresti domiciliari, oltre ad aver violato i termini degli arresti domiciliari, non aveva protetto il Paese da un "elemento sovversivo". La sentenza è stata poi immediatamente commutata in un supplemento di pena di 18 mesi di arresti domiciliari, come segno di rispetto nei confronti del padre, il generale Aung San, eroe dell'indipendenza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.