Navigation

Borsa svizzera: chiude in calo, SMI -0,20%

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2011 - 17:52
(Keystone-ATS)

Dopo una mattinata in negativo, la Borsa svizzera ha invertito tendenza nel primo pomeriggio sulla scia del via libera di Germania e Francia alla cosiddetta 'iniziativa di Vienna' per risolvere la crisi di Atene. I listini hanno poi perso velocità con la pubblicazione del dato sulla fiducia dei consumatori Usa, scesa a giugno a quota 71,8, a fronte di una previsione di 74 punti. Il listino principale SMI ha terminato la seduta a 6145,16 punti, in calo dello 0,20%. L'indice allargato SPI ha chiuso a quota 5643,67 (-0,14%).

L'importante scadenza odierna di derivati Eurex non si è tradotta in grossi movimenti, stando agli operatori. Dopo essere risalita al di sopra della parità UBS ha terminato senza variazioni (15,21 franchi). Julius Bär ha guadagnato lo 0,95% a 34,05 franchi, mentre Credit Suisse è rimasto in rosso (-0,94% a 33,63 franchi). Fra gli assicurativi Swiss Re ha confermato i guadagni, crescendo dello 0,21% (a 47,99 franchi), mentre Zurich Financial non è riuscita a passare in positivo (-0,60% a 215,40 franchi).

Quanto ai titoli difensivi di peso, Novartis ha subito un calo dello 0,58% (a 51,45 franchi), Nestlé ha registrato una progressione dello 0,29% (a 52,55 franchi) e Roche ha segnato il passo (139,80 franchi). Novartis ha annunciato l'inizio dei lavori di costruzione di un impianto di produzione di farmaci a San Pietroburgo, in Russia.

Tra i titoli maggiormente esposti ai cicli congiunturali, ABB ha recuperato chiaramente terreno rispetto a stamane crescendo dello 0,52% (a 21,23 franchi). Adecco è risalita ma è uscita dagli scambi al di sotto della parità (-0,75% a 53,20 franchi). Holcim dopo una rimonta ha perso in chiusura l'1,11% (a 62,40 franchi). Di oggi la notizia che le autorità di vigilanza indiane hanno aperto un'inchiesta contro due filiali del gigante del cemento. Adecco ha risentito del deterioramento del giudizio da parte di Goldman Sachs.

Dopo una schiarita in giornata, i titoli del produttore di beni di lusso Richemont sono scesi al di sotto della linea di demarcazione (-0,78% a 50,90 franchi). Swatch Group ha terminato con un incremento dello 0,10% (a 393,50 franchi). Actelion, che ha beneficiato di un miglioramento della valutazione da parte di BNP Paribas, è in rialzo dello 0,34% (a 41,34 franchi).

Sul mercato allargato Acino è salita dell'1,80% (a 85 franchi). La società ha annunciato un contratto di produzione con il gigante Bayer relativo al un nuovo cerotto anti-concezionale del gruppo tedesco. Le azioni Vontobel hanno guadagnato l'1,03% (a 29,50 franchi), dopo che UBS ha alzato la sua stima sui titoli della banca. EFG International è in flessione dello 0,85% (a 9,30 franchi), malgrado una raccomandazione da parte di UBS.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.