Navigation

Borsa svizzera: chiude vicino alla parità, SMI +0,07%

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 settembre 2011 - 17:42
(Keystone-ATS)

La borsa svizzera ha chiuso vicino alla parità una giornata tutta altalenante: l'indice dei valori guida SMI ha terminato a 5475,34 punti (+0,07% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,03% a 4985,95 punti.

Dopo il forte rialzo di ieri (+2% a franchi) in seguito ai progressi sul fronte del debito greco è scattata una serie di realizzi di guadagno. Le incertezze di fondo rimangono e l'atmosfera generale è rimasta assai attendista, tanto più che anche Wall Street ha faticato ad assumere un orientamento preciso. Gli occhi di tutti gli investitori sono puntati sugli interventi che la Federal Reserve comunicherà - a mercati europei chiusi - per sostenere l'economia Usa.

In Svizzera al centro dell'attenzione figurava UBS (+0,78% a 10,29 franchi), la cui direzione si è riunita oggi a Singapore, dove si trova uno dei suoi principali azionisti, il fondo sovrano GIC, che ieri ha chiesto un'azione forte per ripristinare la fiducia degli investitori. Buono è stato anche l'andamento di Credit Suisse (+3,52% a 22,37 franchi). Non hanno per contro avuto un andamento univoco gli assicurativi Swiss Re (-0,82% a 39,70 franchi) e Zurich (+1,03% a 175,90 franchi).

Fra i titoli maggiormente esposti alla congiuntura ABB (-0,49% a 16,23 franchi) è calata nel finale, avvicinandosi ad Adecco (-1,33% a 36,48 franchi) e Holcim (-1,73% a 46,03 franchi). Nel segmento del lusso sia Swatch (-0,89% a 378,70 franchi) sia Richemont (-0,65% a 48,90 franchi), in evidenza ieri in seguito ai dati sull'export orologiero, hanno perso terreno nelle ultime battute.

Tra i pesi massimi difensivi ha rallentato il passo Nestlé (-0,32% a 49,20 franchi) ma hanno tenuto Roche (+0,65% a 138,90 franchi) e Novartis (+0,53% a 49,68 franchi). Actelion (-2,56% a 30,50) e Transocean (-1,80% a 51,85 franchi) hanno subito le perdite più pesanti.

Nel mercato allargato balzo di Swissmetal (+20,72% a 1,34 franchi) dopo l'annuncio del prolungamento di sei mesi della moratoria concordataria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?