Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera si muove in territorio negativo anche nel pomeriggio, ma le perdite si sono ridotte rispetto a mezzogiorno. Poco dopo le 15.10 il listino principale SMI segna 6522,43 punti, in discesa dello 0,57%. L'indice complessivo SPI è a quota 5845,31 (-0,60%).

Negli USA è stato reso noto che Morgan Stanley ha chiuso il quarto trimestre 2010 con un utile in crescita del 35% a 836 milioni di dollari, pari 41 cent per azione. Al netto di alcune poste straordinarie, l'utile per azione della banca risulta pari a 26 cent, inferiore ai 28 cent attesi in media dagli analisti. D'altro canto le richieste di sussidio di disoccupazione sono diminuite la scorsa settimana di 37.000 unità a quota 404.000, mentre gli economisti puntavano su un calo a quota 420.000.

Fra i titoli giganti bancari, ancora in calo il Credit Suisse (-1,03%), mentre l'UBS è salita al di sopra della linea di demarcazione (+0,54%). Balzo del 2,17% per la Julius Bär. Quanto agli assicurativi, Zurich Financial è in aumento dello 0,95%, Swiss Re sale leggermente (+0,10%).

In rosso i pesi massimi difensivi: Nestlé perde lo 0,28%, Novarits l'1,01% e Roche lo 0,42%. I titoli più sensibili ai cicli congiunturali, sono pure in flessione, con ABB in calo dell'1,29%, Adecco dell'1,03% e Holcim dello 0,73%. ABB ha prolungato per la seconda volta il termine della sua offerta pubblica di acquisto amichevole lanciata per rilevare l'americana Baldor Electric. La nuova scadenza è fissata per il 25 gennaio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS