Navigation

Borsa svizzera: seduta negativa, SMI -0,36%

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 settembre 2010 - 17:57
(Keystone-ATS)

ZURIGO - Saliscendi oggi per la Borsa svizzera durante gran parte della giornata. Dopo l'avvio negativo a Wall Street, i listini si sono però mantenuti al di sotto della parità. L'indice principale SMI ha chiuso la seduta a quota 6311,57, in calo dello 0,36%. L'indice allargato SPI ha segnato una flessione dello 0,28% a 5604,09 punti.
Di oggi la notizia che negli Stati Uniti le richieste di mutui ipotecari erano in calo dello 0,8% la scorsa settimana, mentre il tasso medio sui mutui a 30 anni è sceso al nuovo minimo del 4,38%, in base alle serie storiche della Mortgage Bankers Association. D'altro canto la fiducia delle imprese nella zona euro è tornata per la prima volta ai livelli pre-crisi.
Adecco ha messo a segno un balzo del 2,71% (a 51,25 franchi). In un'intervista rilasciata a "Finanz und Wirtschaft", il Ceo del gruppo vodese si è espresso positivamente sull'evoluzione della congiuntura, ma ha detto di essere prudente per ora in materia di acquisizioni. Fra gli altri ciclici, ABB ha guadagnato lo 0,34% (a 20,80 franchi), Holcim è invece in ribasso dello 0,70% (a 63,45 franchi). Richemont si è messa in evidenza avanzando del 2,10% (a 46,78 franchi). Positivo anche l'andamento di Swatch Group (+0,64% a 362,90 franchi).
Tra i titoli bancari, il Credit Suisse è in rialzo marginale (+0,12% a 42,95 franchi), l'UBS perde invece il 2,35% (a 17,06 franchi) e la Julius Bär il 2,91% (a 36,70 franchi). In una presentazione agli analisti, Brady Dougan, Ceo di Credit Suisse, ha sottolineato che la sua banca è preparata bene per affrontare le nuove prescirzioni di Basilea3. Il Ceo ha d'altro canto anche indicato che il Credit Suisse ha registrato un terzo trimestre non molto dinamico nell'investment banking. Positivi gli assicurativi Zurich Financial (+0,22% a 231,40 franchi) e Swiss Re (+0,25% a 43,75 franchi).
Tra i pesi massimi difensivi, Nestlé è in discesa dello 0,76% (a 52,45 franchi), Novartis ha perso lo 0,70% (a 56,50 franchi), mentre Roche è in progresso dell'1% (a 131,50 franchi). Sandoz, filiale di Novartis attiva nei medicinali generici, ha ottenuto una vittoria negli Stati Uniti nel contenzioso su brevetti che la oppone al gruppo tedesco Bayer per quanto riguarda la pillola anticoncezionale Yasmin. Un tribunale ha respinto la denuncia di Bayer contro Sandoz e la concorrente americana Watson Pharmaceuticals. Roche ha registrato un successo in Gran Bretagna circa il rimborso del suo farmaco oncologico Herceptin per determinati pazienti con cancro allo stomaco.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.