Navigation

Canada: genitori afghani uccidono 3 figlie

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 gennaio 2012 - 20:48
(Keystone-ATS)

Hanno ucciso le tre figlie facendole affogare in un canale, solo perché avevano infangato l'onore familiare, scegliendo fidanzati sbagliati. È quanto accaduto in Canada, in una località dello stato dell'Ontario.

I genitori Mohammad Shafia, 59 anni, sua moglie Tooba Yahya, 42, e il loro secondogenito Hamed, 21, di origine afghana, sono stati condannati all'ergastolo. I tre uccisero anche la prima moglie dell'uomo, per timore che potesse svelare il segreto del delitto d'onore.

La triste storia di Zainab, 19 anni, Sahar, 17, e Geeti, 13, assurge agli onori della cronaca quando i loro corpi vengono ritrovati nel giugno 2009 all'interno di un'automobile caduta in un canale vicino a Kingston, nell'Ontario. Nell'auto c'è anche il corpo della cinquantenne Rona Moahammad Amir, prima moglie del padre delle ragazze. All'inizio si pensò ad un incidente, ma pochi giorni dopo vennero arrestati i genitori e un fratello delle ragazze, accusati di aver compiuto un efferato delitto, simulando un incidente d'auto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?