Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Una cinquantina di musulmani elvetici ha protestato oggi pomeriggio sulla Helvetiaplatz di Berna contro l'appello alla "guerra santa" nei confronti della Svizzera lanciato dal leader libico Muammar Gheddafi e la strumentalizzazione dell'Islam. I manifestanti hanno anche chiesto la "liberazione immediata e incondizionata" di Max Göldi.
I partecipanti, provenienti soprattutto dalla Romandia, hanno innalzato striscioni con la scritta "Giù le mani dal nostro paese, la Svizzera" e immagini dell'ostaggio elvetico. Alcuni sventolavano anche bandiere svizzere.
In un discorso l'organizzatore della protesta, il consigliere comunale di Romont (FR) Abdel Lamhangar, ha affermato che l'appello di Gheddafi alla jihad è un atto forte che richiede una reazione. I cittadini elvetici di fede musulmana apprezzano la Svizzera come Stato di diritto.
La manifestazione odierna ha voluto essere anche un messaggio di pace e un segnale positivo dopo il sì popolare all'iniziativa contro la costruzione dei minareti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS