Navigation

CF: evasione fiscale, trasmesso messaggio a parlamento

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 luglio 2011 - 17:22
(Keystone-ATS)

Il parlamento avrà modo di pronunciarsi in merito alla nuova legge sull'assistenza amministrativa in materia fiscale, che disciplina lo scambio di informazioni conformemente agli standard dell'OCSE. Il Consiglio federale gli ha trasmesso oggi il relativo messaggio. Il progetto permetterà di fissare nella legge le norme contenute in un'ordinanza e in una trentina di convenzioni di doppia imposizione.

In base alle nuove disposizioni, l'assistenza amministrativa sarà possibile non solo in caso di frode fiscale, ma anche in caso di evasione. A livello nazionale, questa distinzione resterà. Malgrado la pressione esercitata da 17 cantoni e dalla sinistra, il governo ha infatti deciso di mantenere lo status quo.

"Il riconoscimento dell'evasione fiscale potrà essere discusso nel quadro della prossima revisione del diritto penale in materia fiscale", ha precisato Eveline Widmer-Schlumpf in conferenza stampa a Berna. La ministra non ha però voluto fornire dettagli sul calendario.

La legge prevede che l'assistenza amministrativa sia prestata esclusivamente su domanda in singoli casi. Non viene invece fornita qualora una domanda si fondi su informazioni ottenute mediante reati ai sensi del diritto svizzero. Una trentina di convenzioni di doppia imposizione (CDI) sono già state rivedute in questo senso.

Dopo la consultazione, nella legge è stata introdotta una seconda istanza di ricorso, ha precisato la ministra delle finanze. Per i casi giuridici di grande portata, le decisioni del Tribunale amministrativo federale (TAF) potranno essere sottoposte al Tribunale federale (TF).

Il progetto regolamenta anche l'assistenza amministrativa nel quadro di altri accordi che prevedano scambi di informazioni in materia fiscale. Fra questi figura anche quello sulla fiscalità del risparmio siglato con l'Unione europea.

Il Consiglio federale voleva in un primo tempo accontentarsi di disciplinare la materia unicamente tramite un'ordinanza. Su pressione del parlamento ha deciso di elaboarare una legge.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?