Navigation

Commissione Consiglio Stati non legifera su aiuto al suicidio

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 ottobre 2011 - 16:59
(Keystone-ATS)

Nessuna nuova legge dovrebbe regolare più severamente l'assistenza al suicidio. Dopo che il Consiglio federale aveva gettato la spugna, anche la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati si è opposta all'idea di legiferare in materia.

La commissione ha raccomandato al plenum di non dar seguito a due iniziative cantonali di Argovia e Basilea Campagna, rispettivamente all'unanimità e con 8 voti contro 2. I due testi sollevano la problematica del "commercio della morte". Come il governo, anche la commissione ritiene che il diritto attuale sia sufficiente.

A fine giugno, il Consiglio federale aveva deciso di abbandonare il suo progetto di norma penale intesa a regolare più severamente l'eutanasia, progetto molto criticato in consultazione. Il governo ha preferito promuovere la prevenzione del suicidio e la medicina palliativa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?