Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"La Bce è contraria agli eurobond": lo ha dichiarato oggi il presidente della banca centrale, Jean-Claude Trichet, intervenendo al Parlamento europeo. "È necessario - ha affermato - fare grandi passi avanti dal punto di vista della governance collegiale e della supervisione dei bilanci, che rimangono di pertinenza nazionale", ha spiegato il governatore della Banca centrale europea.

Circa la crisi dei debiti sovrani, secondo Trichet la Ue dovrebbe fare di più. Per il francese, il pacchetto anticrisi su cui la Ue sta raggiungendo l'accordo "non trae tutti gli insegnamenti della crisi".

Il futuro fondo salva-Stati, ha aggiunto Trichet, "dovrà essere in grado di utilizzare tutta una serie di strumenti per arginare ogni possibilità di contagio in situazioni gravi sul fronte dei debiti sovrani. E se necessario dovrà intervenire anche sul mercato secondario" dei titoli di Stato. Al momento i Paesi dell'Eurozona si sono messi d'accordo sulla possibilità del Fondo di acquistare bond dei Paesi in difficoltà sul mercato primario.

Circa la situazione congiunturale, per il governatore della Bce "gli ultimi dati confermano che l'attuale slancio dell'economia europea prosegue e continua a giovarsi della ripresa dell'economia mondiale. "Ma restano anche grandi incertezze legate soprattutto all'inflazione", ha puntualizzato, mettendo in guardia dall'evitare i cosiddetti "effetti di secondo round" di un'inflazione elevata, con un'impennata ulteriore dei prezzi e anche dei salari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS