Navigation

Diossina: ministra tedesca, nessun pericolo immediato salute

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 gennaio 2011 - 14:27
(Keystone-ATS)

BERLINO - "Per i consumatori non c'era e non c'è alcun pericolo immediato per la salute": lo ha detto oggi la ministra dell'Agricoltura tedesca, Ilse Aigner, durante una conferenza stampa seguita agli incontri con i rappresentanti delle associazioni dei produttori di mangimi e degli agricoltori.
Lo scandalo ha comunque provocato "danni enormi non soltanto economici, ma anzitutto alla fiducia" dei consumatori nel settore alimentare, ha aggiunto
Intanto l'Ue non ha inviato, e non sembra intenzionata a farlo in futuro, suoi ispettori in Germania per verificare le informazioni sul caso della contaminazione alla diossina dei mangimi destinati all'alimentazione animale.
La Commissione europea ha di fatto deciso di credere alle versioni e ai controlli fatti dalle autorità tedesche, anche se dalla stessa Germania emerge che la contaminazione potrebbe essere cominciata molto prima del novembre scorso.
Oggi il portavoce del Commissario europeo alla Salute, ha ribadito che "per noi il caso è cominciato alla fine di dicembre".
"È in quel momento - ha detto Frederic Vincent - che la Commissione è stata informata. Quello che è successo prima è di competenza della Germania e delle sue autorità, comprese quelle giudiziarie".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.