Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La consigliera federale e ministra degli esteri Micheline Calmy-Rey si dice preoccupata per la situazione dei diritti umani in Egitto e per la sicurezza di Mohammed al-Baradei, che conosce personalmente e che la scorsa settimana è rientrato in patria, dove si troverebbe agli arresti domiciliari.

In una intervista alla "Sonntagszeitung" invita le autorità egiziane a rispettare i diritti fondamentali, quali quello della libertà di espressione e di adunanza, oltre ai diritti umani. Calmy-Rey si attende il rilascio di tutti coloro che sono stati posti agli arresti o ai domiciliari in questi giorni di protesta contro il regime egiziano.

L'ambasciatore del Cairo a Berna è stato convocato sabato per un colloquio al Dipartimento federale degli affari esteri, ha aggiunto Calmy-Rey, mentre la missione elvetica al Cairo è stata rafforzata con altro personale, per garantire una presenza permanente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS