Navigation

Fed mantiene tassi fermi fra 0 e 0,25%

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 giugno 2011 - 20:38
(Keystone-ATS)

La Fed lascia i tassi di interesse fermi fra lo zero e lo 0,25%. Lo comunica la stessa banca centrale americana, secondo cui i tassi di interesse rimarranno "eccezionalemente bassi" per un periodo prolungato.

"La ripresa economica procede a un tasso moderato, più lentamente di quanto atteso. I recenti indicatori sul mercato del lavoro sono più deboli di quanto anticipato. Il rallentamento del tasso di crescita riflette in parte fattori che sono temporanei. L'inflazione è salita negli ultimi mesi. Le aspettative di inflazione nel lungo termine restano stabili", si legge nel comunicato della Fed, nel quale si mette in evidenza che "il tasso di disoccupazione resta elevato. Il tasso di crescita dovrebbe aumentare nei prossimi trimestri e il tasso di disoccupazione dovrebbe tornare a calare gradualmente".

La Fed rivede quindi al ribasso - al 2,7-2,9% - le stime di crescita negli Usa per il 2011. Le previsioni per il tasso di disoccupazione sono invece riviste al rialzo: quest'anno i senza lavoro si attesteranno fra l'8,6% e l'8,9%.

La banca centrale americana annuncia anche che "terminerà gli acquisti per 600 miliardi di dollari di titoli di stato entro la fine del mese e continuerà a reinvestire" i profitti dai titoli che controlla. "La taglia e la composizione" del portafoglio titoli della Fed sarà "rivista regolarmente" e la Fed è pronta "ad aggiustarle in base alla necessità".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?