Navigation

Ferrovie: evento storico, primo treno merci Spagna - Francia

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 dicembre 2010 - 11:30
(Keystone-ATS)

MADRID - Il 21 dicembre è stata una giornata storica per le ferrovie europee: per la prima volta un treno merci ha infatti potuto viaggiare direttamente dalla Spagna alla Francia. Finora ciò non era possibile a causa del diverso scartamento dei binari.
I treni, rivela il quotidiano spagnolo "La Vanguardia", collegano il porto di Barcellona a Lione. Il nuovo servizio è destinato a espandersi verso Milano nel 2011.
I treni circolano tra Perpignan e Figueres su una linea di nuova costruzione, utilizzata anche dai treni ad alta velocità, mentre tra la città catalana e Barcellona circolano sulla linea esistente. Per permettere il transito dei vagoni a scartamento europeo è stata posata una terza rotaia. Il nuovo servizio ha richiesto investimenti per 337 milioni di euro.
Più in dettaglio, l'anno prossimo si prevede il trasporto di 208mila tonnellate di merci tra Barcellona e Lione e 336mila tra la metropoli catalana e Milano. Il servizio con la Francia è gestito dall'operatore francese Naviland Cargo, quello con Milano da Hupac.
Il segretario spagnolo ai trasporti, Isaia Táboas, presente a Barcellona alla partenza del primo treno, ha dichiarato che "l'entrata in servizio di questo collegamento a scartamento normale è una pietra miliare nella storia della ferrovia e apre una nuova era nei collegamenti con l'Europa".
Grazie alla nuova linea, afferma il quotidiano spagnolo, sarà possibile risparmiare 33'680 tonnellate di CO2 e 8560 tonnellate di petrolio. Renfe, l'azienda ferroviaria spagnola, sta già valutando di espandere il servizio su Tolosa e Bordeaux.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.