Navigation

Forse inchiesta MPC su Leuenberger per violazione segreto d'ufficio

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) sta pensando di aprire un'inchiesta contro Moritz Leuenberger per violazione del segreto d'ufficio. L'ex consigliere federale aveva detto in un'intervista che il Governo aveva pagato per liberare ostaggi svizzeri. KEYSTONE/PETER SCHNEIDER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 febbraio 2021 - 15:28
(Keystone-ATS)

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) sta pensando di aprire un'inchiesta contro Moritz Leuenberger per violazione del segreto d'ufficio. L'ex consigliere federale aveva detto in un'intervista che il Governo aveva pagato per liberare ostaggi svizzeri.

Interpellato dall'agenzia Keystone ATS, l'MPC ha riferito di aver chiesto ufficialmente al Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) di pronunciarsi sulla concessione o il rifiuto dell'autorizzazione a procedere ad un'azione penale. Per il momento, in attesa di una decisione della DFGP, la procura federale non rilascerà ulteriori commenti sulla questione.

Al domenicale NZZ am Sonntag del 7 febbraio, il 74enne ex capo del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) aveva affermato che "se un ostaggio viene liberato, probabilmente il più delle volte è stato effettuato un pagamento". "Sul bollettino di versamento non viene certo scritto 'riscatto'. Le spese sono addebitate a qualche altra voce", aveva spiegato l'avvocato ex ministro socialista, membro del Consiglio federale dal 1995 al 2010.

Alla domanda su quando egli non abbia detto la verità, Leuenberger aveva risposto: "Abbiamo sempre negato di aver pagato riscatti per la liberazione di ostaggi". E ciò per una buona ragione: la Svizzera ha voluto prevenire emulazioni e ulteriori prese di ostaggi.

"Se questo atteggiamento viene dichiarato all'opinione pubblica, è accettato come una menzogna legittima", aveva notato Leuenberger, presidente della Confederazione nel 2001 e nel 2006. Le frottole hanno un posto nella società, ha aggiunto l'ex ministro: "La bugia è una sorta di lubrificante sociale, oppure può proteggere interessi legittimi di terzi. Insistere sempre sulla verità a volte può causare più danni che mentire".

La violazione del segreto d'ufficio da parte di un ex consigliere federale è un reato politico, hanno ricordato i giornali di Tamedia. Pertanto, il Ministero pubblico della Confederazione dovrebbe chiedere al Consiglio federale il permesso di aprire un'inchiesta. L'esecutivo decide poi se l'azione penale sia nell'interesse del Paese.

Ufficialmente, il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha sempre dichiarato che la Confederazione non paga riscatti per liberare ostaggi. Tuttavia, ci sono state più volte voci di versamenti di denaro: ad esempio nel 2009 nel caso della liberazione di due turisti svizzeri rapiti dal gruppo terroristico "Al-Qaida nel Maghreb islamico" tra Mali e Niger e nel caso della liberazione di un collaboratore svizzero del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) rapito nel sud delle Filippine nello stesso anno.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.