Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Permane fitto il mistero sulla sorte delle due gemelle di 6 anni, Alessia e Livia, di cui non si ha notizia dal 30 gennaio, quando furono prese in consegna dal padre Matthias nella località vodese di Saint-Sulpice. Domenica alcune testimonianza dicevano che i tre erano stati segnalati a Marsiglia, ma la polizia vodese oggi ha tenuto a precisare che fino a questo momento non esiste traccia delle piccole neppure in Italia, dove il padre si è suicidato, né in Svizzera.

È in corso una operazione internazionale denominata "Gemelle", cui la Svizzera partecipa con una quarantina di agenti e un elicottero: le ricerche si concentrano intorno al lago Lemano: tutte le stazioni di benzina tra Saint-Sulpice, dove risiede la famiglia e Ginevra sono state passate al setaccio, così come i transiti doganali e 60 edifici abitativi. Inoltre - fa sapere la polizia - sono stati perquisiti "minuziosanmente" quattro battelli a Morges e a Vidy e i porticcioli della ragione, nella speranza di trovare qualche traccia delle ragazzine.

Purtroppo a tutt'oggi "nessuna testimonianza permette di localizzarle". L'unico dato certo è che erano a Saint-Sulpice il 30 gennaio, quando il padre, separato dalla moglie, andò a prenderle per tenerle con sé qualche giorno. Ieri alcune testimonianze segnalavano che il 31 i tre erano stati visti in un'agenzia di viaggi a Marsiglia, dove il padre avrebbe acquistato tre biglietti per un traghetto diretto a Propriano, in Corsica. Gli inquirenti "non hanno potuto, per il momento, stabilire" se il papà e le bambine si siano imbarcati a bordo del traghetto "Scandola".

Ad ogni modo gli inquirenti di Ajaccio hanno esaminato le registrazioni delle telecamere di sorveglianza che inquadravano l'uscita del traghetto della CMN (Compagnia meridionale di navigazione), a bordo del quale avrebbero viaggiato le ragazzine con il padre. Nessuna traccia. Questo non significa però con certezza che i tre siano sbarcati in Corsica, osservano gli inquirenti, dal momento che il traghetto continuava successivamente il suo viaggio verso la Sardegna.

Fitto rimane anche il mistero del perché il padre abbia scelto la stazione di Cerignola Campagna, in provincia di Foggia, per mettere fine a suoi giorni gettandosi sotto un treno Eurostar. Apparentemente nulla lega questa località all'uomo; la moglie è originaria della provincia di Ascoli Piceno, nelle Marche.

Per il quarto giorno consecutivo, ad ogni modo, nelle campagne di Cerignola sono proseguite le ricerche, nonostante gli investigatori non abbiano alcun elemento per accertare la presenza in Italia delle piccole. Accertamenti sono in corso anche a Vietri sul Mare (Salerno), dove l'uomo aveva pranzato da solo qualche ora prima di uccidersi.

Intanto a Saint-Sulpice, dove le gemelle frequentano la scuola, è stato predisposto un accompagnamento psicologico alle compagne di classe e agli insegnanti di Alessia e Livia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS