Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Anche oggi, per il secondo giorno consecutivo, la Grecia resterà semiparalizzata a causa dello sciopero di 48 ore indetto dal grande sindacato dei dipendenti pubblici, l'Adedy, in segno di protesta contro la decisione della troika (Fmi, Ue e Bce) e del governo conservatore di Antonis Samaras di mettere in mobilità o di trasferire migliaia di dipendenti.

All'astensione dal lavoro partecipano, tra gli altri, gli insegnanti delle scuole elementari e gli impiegati degli uffici delle imposte, mentre è in corso lo sciopero di 48 ore degli insegnanti delle scuole medie e superiori, dei dipendenti degli istituti previdenziali e dei dipendenti amministrativi delle università. Problemi anche sul fronte dalla salute, dove gli ospedali pubblici ed i centri sanitari funzionano solo con il personale di emergenza.

La giornata di protesta si concluderà con una manifestazione antifascista indetta dall'Adedy e dalla Gsee (il sindacato dei lavoratori del settore privato), per condannare l'omicidio del giovane rapper antifascista Pavlos Fyssas, ucciso una settimana fa da un militante del partito filo-nazista Chrysi Avgì (Alba Dorata).

La manifestazione, alla quale aderiscono tutti i partiti e i tutti i sindacati, è in programma per le 18:00 nella centralissima piazza Syntagma, davanti al Parlamento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS