Navigation

Guantanamo: canadese Khadr, soldato-bambino, patteggia

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 ottobre 2010 - 08:11
(Keystone-ATS)

NEW YORK - Il canadese Omar Khadr, arrestato in Afghanistan all'età di 15 anni e attualmente in carcere a Guantanamo, ha patteggiato con le autorità militari americane dichiarandosi colpevole in cambio di una forte riduzione di pena.
In una udienza durate circa un'ora dinnanzi a un tribunale militare di Guantanamo, Khadr, 24 anni, ha risposto di sì quando il presidente Patrick Parrish gli ha letto le cinque accuse: crimini di guerra, omicidio, complotto, sostegno materiale al terrorismo e spionaggio.
La sentenza ridotta non verrà rivelata fino a quando la giuria di sette militari non avrà determinato la pena, che potrebbe essere superiore a quella richiesta dall'accusa. Verrà scelta la più breve delle due pene.
Khadr si trova a Guantanamo da otto anni circa, e il periodo di detenzione nel carcere cubano non verrà preso in considerazione. Dopo un anno, secondo il patteggiamento, il detenuto potrà chiedere di scontare la pena in Canada. Si parla di otto anni in tutto, di cui sette nel suo paese di origine.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?