Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mentre i seguaci dell'ex presidente Jean-Betrand Aristide sono impegnati a preparargli una calorosa accoglienza quando, domani, proveniente dal Sudafrica, approderà a Port-au-Prince dopo sette anni di esilio, le autorità della Missione dell'Onu per la stabilizzazione di Haiti (Minustah) hanno rivolto un appello a Mirlande Manigat e Michel Martelly, i candidati per il ballottaggio presidenziale di domenica, affinché invitino alla calma i loro militanti.

Lo ha reso noto oggi Radio Metropole, aggiungendo che cresce la tensione dopo gli incidenti di ieri a Cap Haitien, nel nord, e a Mirebalis, nel centro, e l'assassinio, lunedì, di un militante di un piccolo partito del nordovest. "La campagna elettorale deve concludersi nel rispetto reciproco ed evitando ogni sorta di violenza", ha avvertito la Minustah.

A Johannesburg, poco prima di imbarcarsi su un aereo privato, Aristide ha letto un comunicato nelle lingue ufficiali del paese, che ha imparato durante i suoi sette anni di esilio, ha di essere "felicissimo, il grande giorno è arrivato". Con lui sono partiti la moglie, le due figlie e l'attore Danny Glover, andato espressamente in Sudafrica per dargli il suo sostegno.

Intanto a Ciudad Soleil, la più grande baraccopoli di Port-Au-Prince, uno dei bastioni dei suoi seguaci, il fervore per l'arrivo di Aristide è ormai incontenibile.

Aristide, 57 anni, è stato estromesso dal potere nel febbraio 2004 dalle pressioni di Francia e Stati Uniti e dal pericolo di una rivolta popolare. Washington e Parigi gli avevano chiesto di rimandare il suo ritorno a dopo il ballottaggio per le presidenziali in programma per domenica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS