Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non vi sono divergenze in seno al Consiglio federale in merito alla politica europea, ha affermato oggi in Consiglio nazionale Micheline Calmy-Rey durate l'"ora delle domande". La strategia che mira a un approccio bilaterale globale e coordinato, con la possibilità di un pacchetto d'accordi bilaterali III, è stata adottata il 26 gennaio scorso.

Il Consiglio federale non ha soltanto sostenuto questo modo di procedere, ma lo ha anche approvato. La decisione - ha dichiarato la presidente della Confederazione in Nazionale, rispondendo a una domanda di Ernst Schibli (UDC/ZH) - è stata presa senza divergenze.

Facendosi interprete di varie informazioni riportate dalla stampa, Schibli ha detto che il governo aveva chiaramente respinto una proposta di Micheline Calmy-Rey e del ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann sui "bilaterali III". Secondo il deputato democentrista, i due ministri hanno ugualmente difeso il loro progetto davanti alla stampa.

Non è corretto affermare che il Consiglio federale abbia respinto questo passo, ha ribadito la ministra degli esteri. A suo modo di vedere, non vi è alcuna divergenza tra la decisione del governo e il modo con cui la stessa è stata ufficialmente comunicata.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS