Navigation

Iniziativa armi: Partito cristiano-sociale la sostiene

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 gennaio 2011 - 14:51
(Keystone-ATS)

FRIBURGO - Il Partito cristiano-sociale (PCS) svizzero, riunito oggi in assemblea a Friburgo, raccomanda di votare "sì" all'iniziativa popolare "per la protezione dalla violenza perpetrata con le armi". Dopo una discussione animata con il presidente dei cacciatori friburghesi, Bruno Fasel, una maggioranza di due terzi dei delegati si è pronunciata a favore del testo sottoposto a votazione il 13 febbraio.
Per le elezioni federali del 2011, il PCS difenderà il suo unico seggio in Consiglio Nazionale con Marie-Thérèse Weber Godet (FR) e si impegnerà per eleggerne di nuovi in altri cantoni, ha indicato oggi il partito al termine dell'assemblea.
In materia energetica, i delegati del PCS hanno adottato una risoluzione contro la costruzione di nuove centrali nucleari. Sostengono invece la creazioni di impieghi in Svizzera legai alla produzione sostenibile di elettricità.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.