Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ex premier italiano Silvio Berlusconi ha ricevuto dalla Procura di Napoli un invito a presentarsi per rendere interrogatorio il 5 marzo prossimo per i reati di corruzione e finanziamento illecito dei partiti per i quali è indagato insieme con il senatore Sergio De Gregorio e l'ex direttore de "L'Avanti". L'avviso è stato notificato al leader del Pdl oggi dalla Guardia di Finanza.

Berlusconi avrebbe versato una somma di tre milioni di euro a De Gregorio perché passasse dall'Idv al Pdl: di tale somma un milione sarebbe stato versato all'Associazione "Italiani nel mondo" che fa capo a De Gregorio, mentre altri due milioni in nero sarebbero stati depositati su vari conti del senatore.

Si tratterebbe di circostanze, a quanto si è appreso, ammesse dallo stesso De Gregorio nel corso di recenti interrogatori. La perquisizione nella cassetta di sicurezza di Berlusconi presso un'agenzia del Monte dei Paschi di Siena, sarebbe stata disposta per individuare tracce di tali pagamenti.

Tra le fonti di prova sono indicate anche le lettere scritte da parte di Lavitola all'ex premier italiano, rinvenute lo scorso anno in un computer del suo amico Carmelo Pintabona nelle quali l'ex direttore de "L'Avanti", fa riferimento, tra l'altro, alla compravendita di senatori sostenendo inoltre di avere consegnato a tale scopo somme a De Gregorio.

Una cassetta di sicurezza nella disponibilità di Silvio Berlusconi è stata sequestrata dalla Guardia di Finanza su disposizione della Procura di Napoli. Contestualmente è stata depositata presso il Senato e la Camera dei deputati la richiesta di autorizzazione a procedere alla perquisizione della cassetta.

Oltre alla cassetta di sicurezza, la Procura di Napoli ha chiesto al Senato e alla Camera dei deputati l'acquisizione di tabulati telefonici di utenze in uso a Berlusconi e al senatore De Gregorio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS