Navigation

Leuthard: diminuite pressioni fiscali su Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 maggio 2010 - 13:14
(Keystone-ATS)

PARIGI - Intervenendo a margine della riunione ministeriale dell'OCSE, ieri e oggi a Parigi, la consigliera federale Doris Leuthard ha rilevato un certo calo delle pressioni fiscali sulla Svizzera, ma ha avvertito che l'attuale situazione economica dovrebbe portare a nuove tensioni.
"La crisi del debito pubblico spingerà gli Stati ad aumentare lo zelo in materia fiscale", ha dichiarato la ministra dell'economia, la quale ha anche giustificato la mancata firma da parte svizzera del Protocollo aggiuntivo alla Convenzione sulla mutua assistenza amministrativa in materia fiscale.
La ministra elvetica si è rallegrata della clausola del freno all'indebitamento, che permette alla Svizzera di contenere il proprio debito al 39% del PIL, mentre negli altri Paesi OCSE il debito raggiungere in media il 100%. Una disposizione simile, che assicura una certa flessibilità di fronte a congiunture sfavorevoli, sta per essere adottata da Germania, Francia e Turchia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.