Navigation

Libia: GB; Hague, a Kussa non abbiamo offerto nessun salvacondotto

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 marzo 2011 - 12:48
(Keystone-ATS)

Il ministro degli esteri britannico William Hague ha detto che a Mussa Kussa, l'ex capo della diplomazia libica arrivato ieri a Londra, "non è stato offerto nessun salvacondotto". Kussa "non si vedrà offrire immunità, né dalla giustizia britannica né dalla giustizia internazionale."

Hague ha anche spiegato che "l'ex ministro degli esteri libico è venuto in Gran Bretagna di sua volontà. Le sue dimissioni mostrano che il regime di Muammar Gheddafi è frammentato. Gheddafi si starà chiedendo chi lascerà dopo di lui".

Hague ha spiegato di aver appreso della decisione di Kussa di lasciare Gheddafi "con un breve anticipo" sull'arrivo del ministro in Gran Bretagna. Kussa si trova ora in un luogo sicuro in Gran Bretagna e viene interrogato, ha aggiunto.

Il responsabile del Foreign Office ha anche indicato che nelle ultime settimane Kussa era stato il suo canale di comunicazione con il regime libico e ha ribadito l'appello a quanti ancora circondano Gheddafi perché abbandonino il dittatore.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.