Navigation

Libia: Nato, risorse e forze sufficienti per missione

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 luglio 2011 - 15:30
(Keystone-ATS)

La Nato "è pienamente in grado di fare fronte al proprio mandato in Libia": lo ha assicurato il colonello Roland Lavoie, portavoce della missione Unified Protector, interpellato sulla decisione della Norvegia di terminare il proprio contributo alla missione a partire dal primo di agosto.

"Abbiamo le forze e le risorse necessarie per portare a termine il nostro mandato, così come dimostra il livello dei raid quotidiani", ha aggiunto l'ufficiale, parlando da Napoli.

Anche la vice-portavoce della Nato, Carmen Romero, ha ribadito da Bruxelles che l'Alleanza ha "le forze e le risorse per far fronte alla missione".

La Nato non ha confermato peraltro l'intenzione della Norvegia di lasciare Unified Protector, rilevando che l'annuncio spetta al singolo stato; ha invece confermato che ci sono in arrivo nuovi contributi alla missione decisi da altri alleati, senza fornire però dettagli in merito.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?